Nuove Strade per l’Innovazione: Magneti Marelli presente ad Auto Shanghai 2017

2206 0
2206 0

Riassunti nel titolo “Nuove Strade per l’Innovazione”, i temi sviluppati da Magneti Marelli nel corso del Salone dell’Auto di Shanghai 2017 sono legati alla normativa “China 6”, con soluzioni ritagliate per il mercato cinese,  che coniugano valore aggiunto tecnologico e costi appropriati.

Oggi, infatti, apre al pubblico uno dei più importati saloni internazionali dedicati al settore automotive che coinvolge circa 2 mila espositori e quasi un milione di visitatori. Magneti Marelli conferma la sua tradizionale presenza alla rassegna di Shanghai per ribadire la continuità nell’impegno specifico rivolto al primo mercato mondiale dell’auto, e per evidenziare alcuni ambiti tecnologici di punta. In termini di crescita, lo sviluppo di Magneti Marelli conferma il trend positivo dell’ultimo decennio: attualmente il business cinese per Magneti Marelli vale circa  750 milioni di euro (a fine 2016), includendo anche le Joint Venture non consolidate, con un tasso di crescita dell’ultimo anno di oltre il 30%. In Cina Magneti Marelli impiega oltre 4100 persone in undici plant dislocati del Paese (che diventeranno 12 a giugno con l’apertura del plant di Changchun in JV con Fudi).

In ambito powertrain, Magneti Marelli propone al Salone di Shanghai i sistemi di iniezione benzina ad alta pressione GDI, completi di centraline elettroniche di controllo motore, pompe e iniettori, finalizzati all’ottimizzazione delle performance del motore a combustione interna. All’interno dell’area espositiva dedicata al powertrain sono evidenziate anche le soluzioni dedicate all’ibrido-elettrico con motori – e relativo controllo elettronico – che variano nel range fra 48 Volt e 14 Kw di potenza e 800 Volt e 340 Kw di potenza. Presente anche il sistema ibrido-elettrico PERF.E.T. (PERForming and Efficient Transmission), una delle sintesi ideali del processo di trasferimento tecnologico tra il mondo “racing” e la “strada” che abbina il cambio robotizzato AMT (Automatic Manual Transmission) a un motogeneratore di derivazione KERS (sistema ibrido di recupero dell’energia cinetica in frenata utilizzato in F1). Il motore elettrico fornisce coppia durante la cambiata e contemporaneamente contribuisce a ridurre i consumi.

Magneti Marelli al Salone dell'Auto di Shanghai 2017
Magneti Marelli è presente in Cina dal 1996 con stabilimenti produttivi e Centri di R&D/Ingegneria

Il motore elettrico realizzato da Magneti Marelli per le competizioni, e che equipaggia la Mahindra M3 Electro nel campionato di Formula E, è un altro esempio della capacità di Magneti Marelli di trasferire competenze tecnologiche dalla pista alla strada e viceversa. Il motogeneratore è estremamente compatto (pesa 23kg) e permette di sviluppare una potenza di 200 kW. In stretta connessione con il powertrain, sono presenti anche i sistemi di scarico per motorizzazioni a benzina e diesel focalizzati al “China 6”.

Un altro trend rilevante nel mondo automotive è l’Autonomous Driving per il quale Magneti Marelli sta declinando le proprie tecnologie provenienti da vari ambiti, dandone un saggio al Salone di Shanghai. Il primo sviluppo è lo Smart Corner, già esposto al CES 2017 di Las Vegas, che utilizza gli spazi tradizionalmente dedicati ai sistemi di illuminazione – ovvero gli angoli della vettura – per integrare in un unico modulo anche i vari sensori utili alla guida autonoma.

Magneti Marelli si occupa anche di Cyber Security, un aspetto che non può più essere trascurato su auto con così tanti elementi tecnologici come quelle moderne. Magneti Marelli sta sviluppando soluzioni che permettono a tutte le componenti della vettura di dialogare in modo sicuro ed efficace. L’obiettivo è quello di criptare e codificare in modo univoco sistemi cruciali quali infotainment, quadri di bordo, centraline elettroniche e componenti powertrain. L’approccio di Magneti Marelli per la Cyber Security si basa un set di prodotti sofware e hardware: Sistemi di rilevamento delle intrusioni (Intrusion Detection System – IDS), Sistema “Data Diode” di securizzazione della porta OBD (On Board Diagnosis), Sistemi sofware dedicati ai moduli hardware di sicurezza, Librerie di crittografia e infine Gateway di sicurezza a protezione delle centraline di servizio (body computer).

In ambito lighting, Magneti Marelli ha ormai consolidato una presenza industriale a copertura di tutti i principali hub produttivi cinesi dell’automotive con la presenza a Wuhu, Foshan, Xiaogan e, prossimamente, anche a Changchun. Presso lo stand, le tecnologie esposte anche con l’ausilio di un “light channel” al buio, vanno dal proiettore full-LED per il gruppo Saic Volkswagen al fanale a LED per la nuova la DS7 e, oltre a proiettori e fanali scelti dai più importanti produttori mondiali. I visitatori all’interno dello stand si possono immergere in un’esperienza visiva coinvolgente grazie a tre holo-box dove sono presentate le funzionalità dei modulo abbagliante Laser della Audi R8, fanali a LED della BMW Serie 7 e sistemi elettronici per l’illuminazione.

Magneti Marelli è presente in Cina dal 1996 con stabilimenti produttivi e Centri di R&D/Ingegneria a Shanghai (Nuovi Headquarter appena inaugurati nel maggio 2016, SAGW Powertrain JV), Wuhu (Automotive Lighting e Powertrain), Guangzhou (Electronic Systems, Suspension Systems e Plastic Components and Modules Automotive), Changsha (sistemi di scarico), Hangzhou (Ammortizzatori in JV con Wanxiang Qianchao Company), Changchun (Powertrain e Lighting in JV con FUDI), Hefei (sistemi di scarico con JAC e Lingdatang), Foshan (Automotive Lighting), e Xiaogan nella provincia di Hubei (China South Industries Group Corporation – CSI Automotive Lighting JV).

Ultima modifica: 20 Aprile 2017