Karma Pininfarina GT e Grove, il futuro e bello con la firma italiana

1411 0
1411 0

Doppietta Pininfarina al Salone di Shanghai. Il Marchio piemontese mette la firma su due prototipi molto interessanti. La sportiva Karma Pininfarina GT e la futuribile (più delle auto a batteria, a nostro avviso) Concept car Grove a idrogeno.

La scena la ruba ovviamente la prima, Karma è un noto (e rinato) Marchio californiano di auto sportive elettrificate. Grove Hydrogen Automotive Company Limited è una start-up cinese, che ha un progetto molto ambizioso.

Omaggio alle Granturismo, ma pronta alla produzione in piccola serie

La GT mostra un design speciale, ottima sintesi di Karma Revero 2020 in chiave molto più classica e fluida. Chiaro omaggio alle Granturismo del passato. Un modello carico di fascino, nel frontale, nella fiancata e nel posteriore. Proporzionato e oggettivamente bello.

Anche negli interni, dove spiccano, assieme al tricolore italiano sui sedili, raffinati abbinamenti tra alluminio satinato e pelle nabuk. Se piacerà potrebbe essere prodotta in piccola serie, direttamente in Piemonte.

Pronta alla produzione, con un powertrain in comune con Karma Revero 2020, con 535 cavalli e 746 Nm metri sprigionati dalla power unit elettrica supportati dal 1.5 turbo 3 cilindri fornito da BMW che funge da Range Extender e porta l’autonoma a 700 km (130+570).

Grove invece rappresenta l’intenzione di portare alla produzione di serie un’auto elettrica alimenta a fuel cell a idrogeno. Il modello è realizzato in fibra di carbonio. Leggera e avanzatissima. Una sfida di Grove Hydrogen Automotive Company Limited firmata da Pininfarina Shanghai.

Karma Pininfarina GT, il frontale

Ultima modifica: 17 aprile 2019

In questo articolo