Tracciatura elettronica delle automobili: come funziona!

1651 0
1651 0

La tecnologia è sempre stata al passo coi bisogni dell’uomo, ed anche dal punto di vista automobilistico ha subito enormi aggiornamenti. Il GPS, ovvero Global Positioning System, è stata una grande innovazione che negli ultimi anni ha permesso di localizzare qualsiasi oggetto sul quale è stato precedentemente installato, come un’auto, una moto, un camion, e così via. La tipologia “Tracker GPS” permette, appunto, di individuare la vettura di proprio interesse attraverso un localizzatore satellitare e di ritrovarla facilmente in caso di furto.

Il GPS si presenta come una scatolina dalle esigue dimensioni, senza essere dotato di uno schermo lcd. Possono essere, quindi, facilmente celati nella vettura di cui siete proprietari ed hanno anche la capacità di fungere da allarme e di inviare un sms in caso di movimento, per fare in modo che la vettura possa essere sempre tenuta sotto il vostro controllo. Il funzionamento, inoltre, è similare a quello degli antifurti satellitari per automobili, che garantiscono uno sconto sull’assicurazione furto-incendio.

Vi sono diversi modelli di Tracker GPS e ve ne sono alcuni di ultima generazione, come il Tracker GPS TK 104, ad essere veramente avanzati. Il TK 104, versione aggiornata del TK 102 e TK 103, ha la capacità di ospitare una SIM grazie a cui può inviare un messaggio nel quale riporta la posizione del veicolo. Di rimando, voi potrete inviare un sms a questa SIM col quale potrete richiedere le coordinate della vettura, che sarete in grado di controllare voi stessi sulla mappa. Probabilmente non ci crederete, ma il prezzo è davvero modesto: all’incirca 100€! Un vero affare per la protezione della vostra auto. L’unica pecca da ricordare è rappresentata, però, dal mancato funzionamento di questi strumenti se il veicolo dovesse trovarsi in garage o all’interno di gallerie. Ovviamente il segnale del satellite lì non avrebbe copertura di alcun genere.

Un altro Tracker GPS innovativo è lo Spot Gen 3, che ha il più alto livello di mantenimento della carica della batteria, anche se, a differenza del TK 104, non può essere interrogato da remoto, poiché non possiede lo spazio riservato alla SIM Card. Tuttavia, è molto utile se utilizzato in zone remote, poiché permette di lasciare una traccia costante.

Anche il GPS Tracker, in versione economica, è dotato di uno spazio riservato alla SIM e, come i modelli precedenti, possiede anch’esso un microfono attivabile a distanza. Questi GPS sono dotati anche di cavetto per la ricarica ma hanno una buona autonomia della batteria.

Ultima modifica: 16 Luglio 2018