Motor Valley in vetrina a Dubai «Creiamo auto ammirate dal mondo»

1679 0
1679 0

Indossiamo lo speciale casco con il visore per la realtà aumentata, e subito siamo come immersi in un laboratorio di ricerca: possiamo assemblare un veicolo da corsa, ibrido o elettrico, esplorarne il motore e i flussi di energia, possiamo perfino verificarne le emissioni di rumore.

L’Emilia Romagna arriva al Padiglione Italia di Expo 2020 a Dubai, e il suo primo biglietto da visita è affidato all’entusiasmo di Andrea, Francesco, Samuele, Pietro, Matteo, i giovani ingegneri di Muner, la Motorvehicle university, che con i loro docenti stanno progettando i veicoli di domani, sempre più ecologici e sempre più connessi.

Quattro atenei della regione (Bologna, Modena e Reggio, Ferrara e Parma) e dieci fra le più famose case motoristiche mondiali che hanno sede nella Motor Valley, dalla Ferrari alla Lamborghini alla Ducati, hanno dato vita – con il sostegno della Regione – a questo specialissimo percorso di formazione (con sette corsi di laurea magistrali) che attrae già studenti da molti Paesi.

«Il 90% di loro trova impiego, subito dopo la laurea, in imprese della filiera motoristica», spiega con legittimo orgoglio Andrea Pontremoli, ad di Dallara e presidente di Muner. «Le aziende ci danno indicazioni molto chiare: hanno bisogno di tecnici preparati per le sfide che stiamo già affrontando», annota il professor Francesco Leali dell’università di Modena e Reggio Emilia. «E come si evolvono le vetture si devono evolvere anche le competenze: l’innovazione di progetto va di pari passo con l’innovazione di prodotto», aggiunge Leonardo Guglielmetti della ‘Scuola dei mestieri’ della Ferrari. «Siamo l’unica regione al mondo che prende il nome da una strada, e non potevamo che presentarci qui all’Expo, in uno dei luoghi dove l’innovazione corre più velocemente, con quella che è la nostra eccellenza, la creazione di veicoli che tutto il mondo ci ammira», sottolinea il governatore Stefano Bonaccini.

E nel 2022 – aggiunge – l’Emilia Romagna sarà anche l’unica regione al mondo a ospitare tre eventi motoristici di caratura mondiale: a Imola il Gp di F1, e a Misano il Moto Gp e il mondiale Superbike.

In cima al mondo

Le auto e le moto più desiderate al mondo oggi saranno schierate ai piedi del celeberrimo Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo, e domani in parata raggiungeranno Abu Dhabi, dove domenica si correrà il gran premio automobilistico. «La Motor Valley rappresenta proprio l’emblema della capacità di creare collaborazioni fra il sistema universitario e il tessuto imprenditoriale e produttivo – rimarca Paolo Glisenti, commissario generale dell’Italia all’Expo di Dubai –. Tutto il modello della nostra partecipazione a Expo è basato sulla multidisciplinarietà, sulla formazione di nuove competenze, sull’incontro fra sviluppo economico e sistemi educativi».

«La bellezza unisce le persone», è il motivo conduttore del suggestivo Padiglione Italia all’esposizione internazionale di Dubai, con la straordinaria riproduzione del David di Michelangelo incorniciata dall’oro delle copie dei mosaici di Ravenna, un viaggio nello splendore di un Paese ricco di storia, di fantasia, di capacità di immaginare e di realizzare.

La delegazione regionale, con il presidente Bonaccini e l’assessore Andrea Corsini (che oggi presenterà le icone dell’offerta turistica regionale, dal cibo al ‘luxury travel’), lo ha visitato nel pomeriggio assolato di Dubai: alla rappresentanza emiliana si è unito anche il professor Romano Prodi, arrivato a Dubai per il business forum delle nazioni del Sud Est asiatico. E proprio ieri sono stati annunciati i nuovi scenari elaborati da Prometeia per Art-Er secondo cui l’Emilia Romagna crescerà più velocemente di quanto si era previsto a luglio: nel 2021 il Pil regionale aumenterà del 6,5%, l’incremento più alto nel Paese.

di Stefano Marchetti

Ultima modifica: 9 Dicembre 2021