Motor Valley Accelerator, il primo acceleratore italiano dedicato al settore auto

1962 0
1962 0

Motor Valley Accelerator è il primo acceleratore italiano dedicato al settore automotive. 

A fondarlo sono CRIT, broker tecnologico modenese con un’esperienza ventennale nella ricerca, analisi e condivisione di tecnologie per il settore industriale, tra cui il mondo dell’auto, e Plug and Play, la più grande piattaforma di Open Innovation al mondo, con oltre 1400 startup accelerate solo nel 2019 e 400 aziende partner in 16 paesi, tra cui l’Italia dal 2019.  

Il programma avrà sede a Modena, nel cuore della Motor Valley, con l’obiettivo di aiutare l’Italia a giocare un ruolo da protagonista in una fase di grandi transizioni nella mobilità, dal motore elettrico e la sostenibilità in senso lato alla connettività e la guida autonoma. 

Motor Valley Accelerator

I migliori founders italiani riceveranno il supporto e i capitali necessari per portare le proprie startups a competere a livello internazionale. Le startup avranno accesso ad un percorso di accelerazione di 6 mesi, al termine del quale le migliori potranno ricevere un ulteriore investimento da parte del Fondo Acceleratori di Cassa Depositi e Prestiti, la Fondazione di Modena, UniCredit e la stessa Plug and Play Italy.  

Le scale-up internazionali seguiranno, invece, il tradizionale percorso di Open Innovation volto allo sviluppo di progetti pilota e all’integrazione nelle strategie operative delle aziende.

«Siamo orgogliosi di essere stati scelti da CDP, Fondazione di Modena e Unicredit per gestire questo importante programma nazionale dedicato alla mobilità» dichiara Marco Baracchi, Direttore Generale del CRIT. «Penso che la nostra conoscenza tecnologica e la nostra propensione ad applicazioni concrete dovuta all’abitudine a lavorare con il mondo industriale possano essere di grande valore per questa iniziativa. Abbiamo poi scelto come partner Plug and Play Italy perché ci sono sembrati i più adatti a supportarci, in quanto leader mondiali nell’Open Innovation e con una esperienza specifica di successo con le start-up automotive sviluppata in altri acceleratori internazionali, come Startup Autobahn a Stoccarda» 

Le parole di Andrea Zorzetto, Managing Partner di Plug and Play Italy

«Siamo contenti di lanciare un quarto programma di Open Innovation appena un anno e mezzo dal nostro arrivo in Italia, segnale che il nostro ecosistema sta davvero provando ad accelerarePer la prima volta avremo una parte dedicata alle startups italiane dove andremo ad investire direttamente insieme a CDP, Fondazione di Modena, e UniCredit, nostro partner dall’inizio dell’avventura italiana. Per noi è strategico lavorare con CRIT, player unico sul panorama nazionale per le proprie competenze e rapporti con il settore automotive –  porteremo nella terra dei motori la mentalità della Silicon Valley».

 

CRIT, broker tecnologico con sede a Vignola (MO) a servizio dell’Open Innovation attivo da 20 anni e con soci quali Alstom, Beghelli, CNHi, Datalogic, Ferrari Spa etc, realizza Scouting Tecnologici e organizza scambi di best practices e benchmarking specifici da cui scaturiscono soluzioni tecniche, gestionali ed organizzative.  CRIT inoltre partecipa a importanti circuiti nazionali e internazionali dell’innovazione, tra cui EFFRA (European Factories of the Future Research Association), SPIRE (Sustainable Process Industry through Resource and Energy Efficiency) e la Rete Alta Tecnologia dell’Emilia-Romagna.

Plug and Play è la più grande piattaforma di Open Innovation al mondo con 1450 startups accelerate in 30 città diverse solo nel 2019 e oltre 400 partner. Negli ultimi tre anni, ha investito in media $30M, e continua a fare più di 250 investimenti ogni anno. Alcuni degli investimenti di successo includono Dropbox, Paypal, N26, SoundHound e Lending Club. Plug and Play Italy ha aperto ad Aprile 2019 a Milano con un’iniziale focus nel settore Food, insieme a Esselunga, Lavazza, Tetra Pak, per poi aggiungere un verticale Fintech con Nexi, Ubi Banca ed UniCredit ed un verticale Sustainability con Buzzi Unicem e A2A.

Motor Valley Accelerator

 

Ultima modifica: 4 Novembre 2020

In questo articolo