Isotta Fraschini LMH Tipo 6 Competizione, il ritorno di un mito dell’auto

2035 0
2035 0

di Luca Talotta

Presentazione ufficiale oggi, martedì 28 febbraio 2023, per il ritorno sulle grandi scene della Isotta Fraschini, che ha presentato in anteprima mondiale la vettura che segna il grande ritorno della marca dopo un letargo durato 74 anni.

Isotta Fraschini Tipo 6 LMH Competizione - 5

A fare gli onori di casa il presidente Alessandro Fassina, che è anche amministratore delegato del Gruppo Fassina Automotive e di Autopolar:

«Si riparte – le sue parole – oggi Isotta Fraschini ha un suo consiglio di amministrazione, adeguato, dove l’ad è Enzo Panacci, proveniente da Nolan, mentre il responsabile Motorsport è Claudio Berro; competenze di alto livello dove la più importante è quella del fornitore di energia e motori, la Michelotto. È la scelta migliore per realizzare le automobili che vogliamoi».

«Scenderemo in pista verso aprile, ma già oggi posso dire che è l’automobile acquistabile da corsa più performante a disposizione, che va più veloce sul giro di 4/5 secondi rispetto ad una Formula Uno. Pensiamo di realizzare un paio di auto all’anno per le competizioni e 10/12 auto all’anno nelle altre due versioni a partire da subito, con consegne che potrebbero avvenire in nove mesi».

Isotta Fraschini LMH Tipo 6 Competizione

Isotta Fraschini, la storia

Ritorna alle competizioni un qualcosa che nasce tutta in Italia, telaio e motore. La storia dell’Isotta Fraschini inizia il 27 gennaio 1900, giorno della costituzione della Società milanese d’automobili Isotta Fraschini & Soci, per iniziativa dell’avvocato Cesare Isotta, dei fratelli Vincenzo, Oreste e Antonio Fraschini, di Riccardo Bencetti, Paolo Meda e Ludovico Prinetti.

L’inizio di un’epopea fatta di vittorie, come alla Targa Florio del 1908, e di rapidi declini, con la chiusura dell’azienda nel 1949. Ora il nuovo rilancio, per una vettura che è stata guidata anche da Alfieri Maserati ed Enzo Ferrari, che venne usata da Filippo Tomaso Marinetti prima di schiantarsi dopo appena due chilometri, che fu di Rodolfo Valentino, Papi e poeti, tra i quali anche Gabriele D’Annunzio.

Isotta Fraschini Tipo 6 LMH Competizione - 5

Una vettura con un’anima, ma declinata in tre modi: con la Tipo 6 Competizione, la Tipo 6 Pista e la Tipo 6 Strada. Un’auto con prestazioni esasperate (0-100 km/h in appena 2,2 secondi e 1000 cavalli) e un prezzo di partenza, per la versione stradale, da due milioni e 750mila euro.

Il sono, ora, è il debutto nella tappa di Monza del campionato del Mondo di Endurance, in programma il 9 luglio: «Dobbiamo fare ancora dei passaggi, ma stiamo rispettando i tempi».

Musica e parole di Claudio Berro, direttore del motorsport con un importante passato in Peugeot, Ferrari, Maserati, Abarth e Lotus: «Ero un po’ più tranquillo qualche mese fa, poi una telefonata di Michelotto mi ha convinto a dedicarmi di nuovo alle automobili. L’accordo con il team Vector sarà per il campionato del mondo WEC 2023 e anche 2024».

Un progetto per il quale sono già stati spesi 25 milioni, con un esborso totale a regime di circa 100: «Puntiamo a vendere 50 vetture nei prossimi 4 anni» la conclusione del presidente Alessandro Fassina.

Leggi ora: le novità auto

Isotta Fraschini Tipo 6 LMH Competizione - 5

Chi è il presidente di Isotta Fraschini?

Il presidente è Alessandro Fassina

Quando è nata?

L’azienda è stata in attività dal 1900 al 1949. E ha ripreso con la nuova gestione

Come si chiama la nuova Isotta Fraschini?

Sono tre le versioni: LMH Tipo 6 Competizione, la Tipo 6 Pista e la Tipo 6 Strada

Ultima modifica: 2 Marzo 2023

In questo articolo