Free2Move, PSA ora gestisce i servizi di car-sharing tramite un’app

2485 0
2485 0

I gruppi automobilistici vanno sempre più verso dotazioni informatiche e tecnologiche da associare all’esperienza di guida vera e propria. Le auto del futuro saranno in grado di recepire gli ostacoli sulla strada, di capire i segnali stradali e di orientarsi nel traffico. È per questi motivi che PSA, così come altri produttori, guardano con interesse crescente all’evoluzione tecnologica.

Anche dal punto di vista della connessione tra l’auto e lo smartphone. In questa direzione va anche Free2Move, un’app che gestisce car sharing, smart services, fleet sharing e management e soluzioni di leasing, inglobando sotto un’unica ala tutte le realtà di PSA che già si occupavano di questi servizi.

Free2Move
Free2Move app di car sharing del gruppo PSA

Free2Move permette di accedere ai servizi di car-sharing di 20 differenti operatori, il tutto all’interno di un’interfaccia user-friendly e riattiva che permette di trovare rapidamente la soluzione giusta con pochi tap sul display del dispositivo. L’app, infatti, è stata ripensata per facilitare le esigenze di mobilità degli utenti. I quali non solo possono confrontare tra di loro le varie tariffe alla ricerca delle opzioni più convenienti, ma anche coniugare varie possibilità di trasporto tra mezzi pubblici, privati, condivisi, a motore o a pedali, offrendo una chiara prospettiva rispetto a quale tipo di servizio prenotare.

Free2Move app è già disponibile in Italia (nelle città di Torino, Milano, Roma), Germania, Austria, Svezia e Regno Unito, mentre in seguito sarà proposta in Francia, Spagna e Paesi Bassi. Sii può scaricare gratuitamente tramite App Store, Play Store e Windows Phone. Al di là della necessità di proseguire sulla strada dell’avanzamento tecnologico, il lancio di Free2Move rappresenta l’ambizione di PSA di essere anche un fornitore di servizi. Secondo le previsioni il numero di servizi di car-sharing è destinato ad aumentare di 4 volte e mezzo nei prossimi 10 anni: se oggi sono coinvolte 8 milioni di persone, nel 2015 ben 36 milioni di persone si affideranno ai nuovi servizi di car-sharing.

Ultima modifica: 10 Febbraio 2017