Dacia Sandero Streetway e Stepway, la prova su strada | VIDEO

7822 0
7822 0

Sandero Streetway e Stepway allungano il passo. Le due segmento B si rinnovano completamente, per forma e contenuti. Un vero salto di classe, Dacia non è più sinonimo di low cost, ma di sostanza, di acquisto accorto, utile.

La terza generazione, con la hatchback e il crossover che mantengono le dimensioni giuste (4,09 e 4,10 metri di lunghezza) rappresenta la svolta. Decisiva, perché i due modelli rappresentano il 47% delle vendite del Marchio in Italia (e Duster il 45%).

Dacia Sandero Streetway e Stepway, la prova su strada

Scarica ora: Scheda tecnica Streetway e Stepway

Entrambe beneficiano di una piattaforma moderna. La CMF-B, quella di Clio V e Captur, le due nuove best seller di Renault, pronta anche alla elettrificazione. Sandero al momento tiene i piedi ben piantati per terra, proponendo le motorizzazioni benzina e GPL, dove Dacia è leader nel nostro paese.

Il prezzo rimane la discriminate a favore. La Streetway (tre allestimenti, Access, Essential e Comfort) parte da 8.950 euro, per la versione a GPL servono 12.600 euro. La Stepway (Essential e Comfort) parte da 12.600 euro a GPL da 13.950 euro. Sono sette i colori esterni disponibili.

Scarica ora: Sandero Streetway – Listino

Scarica ora: Sandero Stepway – Listino

Lo stile è stato profondamente aggiornato. Sandero si presenta con una carrozzeria più scolpita, ma proporzionata. Indovinata la forma dei fari anteriori, con la firma a “Y” orizzontale che ne definisce la foggia. Più personali anche i gruppi ottici posteriori.

La vettura mostra più carattere, ma è anche più filante: più bassa e aerodinamica in entrambe le versioni.

La nuova piattaforma anche di incrementare l’abitabilità, storico punto di forza dei due modelli. Sandero Streetway (berlina) e Sandero Stepway (crossover) nonostante le dimensioni da “utilitaria” possono trasportare comodamente cinque persone. E per la prima volta è disponibile il tetto apribile.

Nel nostro test, prevalentemente urbano, abbiamo avuto conferma di spazi al di sopra della media della categoria. A bordo ci si accomoda senza patemi e dietro c’è più spazio per le ginocchia. Anche il bagagliaio è cresciuto e parte da una capacità di 410 litri: quelli di una auto media.

Progressi di forma e di sostanza anche nell’abitacolo. La qualità percepita, pur puntando alla essenzialità è superiore rispetto alla seconda generazione. Sandero Stepway presenta finiture in più (giustificate dal prezzo) nei sedili e in altre personalizzazioni cromatiche.

Entrambe propongono una plancia completamente nuova per design, dalle bocchette aria al display. La console centrale e il bracciolo sono più alti comodi, c’è anche il gancio borsetta sul lato passeggero. I comandi risultano accessibili e l’estetica più pulita, chiara.

Tre i sistemi multimediali disponibili

  • Media Control. Supporto frontale dedicato per smartphone che diventa multimediale con nuova App gratuita Dacia Media Control. Connessione bluetooth o USB. Accesso e controllo radio, musica, chiamate, messaggi e varie applicazioni GPS, riconoscimento vocale Siri o Android. Display digitale TFT da 3,5”.
  • Media Display. Display touchscreen da 8” integrato. Quattro altoparlanti, display orientato verso conducente per migliore visibilità.. Compatibile con Android Auto ed Apple CarPlay.
  • Media Nav. Con navigazione a bordo, connettività wireless per Apple CarPlay ed Android Auto. Audio a sei altoparlanti.

Sandero Stepway, più alta di 37 millimetri, conferma il suo aspetto da crossover con passaruota integrati, paragrafi una cura complessivamente superiore.

Pratiche le barre al tetto modulari (possono diventare un portapacchi con capacità di carico di 80 kg) come detto più curati gli interni con gli inserti arancioni. Altro passo in avanti è rappresentato  la climatizzazione automatica con display digitale.

Tra le nuove dotazioni il Keyless Entry per accesso, avviamento e apertura del bagagliaio da remoto senza chiave. E ancora il freno di stazionamento elettrico, la parking camera e i sensori parcheggio anteriori e posteriori.

Aggiornati anche gli ADAS con cruise control, frenata automatica d’emergenza (attivo da 7 a 170 km/h), sensore angolo morto, assistenza al parcheggio; e assistenza alla partenza in salita.

I motori, turbo e aspirati, benzina e GPL

Sandero Stepway parte dal 3 cilindri benzina aspirato da 65 cavalli, abbinato al cambio automatico a cinque rapporti. Il fulcro della gamma è il tre cilindri turbo benzina TCe 90, disponibile su entrambe. Ai 90 cavalli di potenza aggiunge 160 Nm di coppia: è abbinabile a cambio manuale a sei marce o a variazione continua CVT.

Per chi viaggia molto c’è la versione a GPL per entrambe le Sandero. Chiamata ECO-G, con il 3 cilindri turbo che arriva a 100 cavalli di potenza (170 Nm) abbinabile solo al manuale. Il serbatoio a gas è di 40 litri: assieme alla benzina (50 litri) l’autonomia totale è di 1.300 km.

Dacia Sandero Streetway

Come vanno su strada

Abbiamo provato le Sandero su un tratto urbano ed extra-urbano a Milano. Entrambe nella versione TCe90, che per la vocazione della vettura è la giusta misura, specialmente per la Stepway.

La qualità della guida è cambiata. Più precisa e agile, grazie al nuovo avantreno con bracci di sospensione rettangolari. Le carreggiate allargate, +41 millimetri su Streetway e +29 su Stepway, contribuiscono a una sensazione di migliore padronanza, riducendo anche il rollio.

Dacia Sandero Stepway

La nuova piattaforma contribuisce anche a una migliore insonorizzazione. Sandero si comporta davvero bene, con il plus di mettere a proprio agio alla guida, grazie a spazi decisamente ampi. Il tre cilindri turbo sopra ai duemila giri è davvero elastico. Nessuna lacuna.

La piccola, per modo di dire, Dacia è adatta per andare a fare la spesa e anche per viaggi più lunghi. I consumi sono più che accettabili con una percorrenza prossima ai 15 km/litro.

Lo scenario è quello di una vettura pragmatica, senza fronzoli, ma anche senza pecche, con molta più polpa rispetto al passato. Guidare una Sandero non è più una scelta in sordina, ma  quella di avere un’auto di sostanza. Che non è poco.

Dacia Sandero Streetway e Stepway, la prova su strada: le foto

Leggi anche: Dacia Spring, l’elettrica dal prezzo più basso

 

 

 

 

Ultima modifica: 7 Dicembre 2020

In questo articolo