Confindustria ANCMA chiede incentivi immediati per moto e scooter Euro 4

1578 0
1578 0

Confindustria ANCMA, l’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori, chiede al Governo incentivi immediati per moto e scooter Euro 4. La richiesta è evitare il tracollo del mercato delle due ruote nel 2020.

In previsione della prossima riunione del Consiglio dei ministri sul decreto rilancio, Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) torna oggi a: “chiedere forme di incentivazione per l’acquisto moto, ciclomotori e scooter EURO 4”. La richiesta dell’associazione raccoglie il grido d’allarme della rete di vendita, Che è stata fortemente penalizzata dal lockdown nel periodo di massima vendita.

Leggi anche: Magri, ANCMA: senza incentivi il mercato moto chiuderà il 2020 a -35%

“La particolare stagionalità del nostro mercato”. Si legge in una nota diffusa da ANCMA. “Richiede un intervento urgente per sostenere un comparto che con l’indotto offre occupazione a oltre 40mila persone. D che nel 2019 ha contribuito con un gettito erariale di 5,5 miliardi di euro”.

La minaccia di un mercato al collasso

Senza incentivi per i veicoli EURO 4 rimasti invenduti, il mercato 2020 vivrà una crisi profonda e chiuderà con una preoccupante previsione tra – 30 e – 40%. Di fronte a questo grave scenario e in virtù del rinnovato protagonismo che la mobilità su due ruote avrà nelle fasi post emergenza Covid-19“. Si chiude il comunicato. “Chiediamo con forza al Governo di sostenere il rilancio della domanda”.

Confindustria ANCMA, l’associazione dei produttori di cicli, motocicli e accessori

Leggi anche: Confindustria ANCMA ed EICMA lanciano la campagna #usaledueruote

Ultima modifica: 12 Maggio 2020