Tesla riparte, ma è braccio di ferro tra Musk e la California

1091 0
1091 0

Elon Musk alza l’asticella della sfida contro il governo della California. E in questo braccio di ferro incassa il sostegno della Casa Bianca.

Il fondatore di Tesla, che nei giorni scorsi aveva minacciato di spostare la produzione in Texas se non gli fosse stato permesso di far ripartire le attività ferme dal 23 marzo e definito «fasciste» le misure di lockdown contro il Coronavirus, ha annunciato su Twitter il riavvio della produzione presso la fabbrica di Fremont.

Elon Musk

Leggi anche: Tesla Roadster, rinviata la presentazione della supercar elettrica

Una violazione delle misure restrittive e una sfida alle autorità locali: «Sarò alla catena di montaggi con tutti gli altri – ha scritto Musk su Twitter –. Se qualcuno dovrà essere arrestato, chiedo che sia solamente io».

Donald Trump

Cosa dice The Donald sul braccio di ferro

Sempre sui social è arrivato il sostegno del presidente Usa Donald Trump: «La California dovrebbe lasciar riaprire a Tesla e a Elon Musk il suo impianto, ora. Può essere fatto velocemente e in sicurezza!». ha twittato il “comandante in capo”.

Elon Musk e Tesla Model 3 (Dual Motor in arrivo)
Elon Musk e Tesla Model 3

Leggi anche: Tesla Model 3, la prova di QN Motori

 

Ultima modifica: 13 Maggio 2020