Aree di sosta camper nei Comuni, stanziati 33 milioni

124 0
124 0

Aree di sosta, camper e turismo itinerante. Una notizia importante per chi viaggia in camper l’approvazione alla Camera dei Deputati del DL “qualità dell’aria“. Un significativo passo avanti nell’ambito del turismo all’aria aperta.

Aree di sosta camper

Aree di sosta, risorse importanti

Il DL ha istituito, nello stato di previsione del Ministero del Turismo, un Fondo con una dotazione di 32.870.000 euro per l’anno 2023. Queste risorse saranno destinate al finanziamento di progetti e iniziative proposti dai Comuni italiani, finalizzati alla creazione e alla riqualificazione di aree attrezzate di sosta temporanea a fini turistici, con l’obiettivo di valorizzare il turismo all’aria aperta. Se anche il Senato approverà il DL, il Ministero del Turismo procederà a pubblicare un apposito bando destinato ai Comuni.

“L’approvazione del DL è un’ottima notizia per il comparto. Con l’istituzione di questo fondo diamo una risposta concreta alle richieste di uno dei segmenti del turismo, quello all’aria aperta, che rappresenta un trend in costante crescita. Ho avuto modo di confrontarmi già in diverse occasioni con le associazioni di categoria e mappare le relative esigenze intervenendo con tempestività. In questo modo sosteniamo sempre di più la differenziazione dell’offerta turistica rispondendo alle crescenti richieste di sostenibilità del turismo ed implementando quindi le nostre politiche di destagionalizzazione” commenta il Ministro del Turismo Daniela Santanchè.

L’Associazione Produttori Camper accoglie con estremo favore questa iniziativa che permetterà di promuovere la destagionalizzazione e premiare anche le mete cosiddette minori, ricordando che il turismo itinerante in camper consente di sviluppare l’economia dei territori, anche quelli lontani dal turismo di massa.

Le parole del Presidente dell’Associazione Produttori Caravan e Camper Simone Niccolai:

“Vorremmo ringraziare il Ministro Santanchè per aver dato seguito agli impegni presi il mese scorso durante l’inaugurazione del Salone del Camper, che – per inciso – è stato visitato da oltre 100.000 persone. Questo stanziamento rappresenta una occasione preziosa per i Comuni che vorranno attrezzarsi per accogliere i turisti itineranti tutto l’anno. Ricordiamo anche qualche dato: un equipaggio di camperisti di due persone spende sul territorio che visita una media di € 1.060 alla settimana, il giro d’affari turistico di camperisti e caravanisti europei è stimato in circa 24 miliardi di Euro l’anno e i turisti europei in camper e caravan sono stimati in oltre 20 milioni.”

Simone Niccolai – Presidente APC, Associazione Produttori Caravan e Camper

“La vocazione dell’Italia come Paese di destinazione turistica, per questo settore, è attualmente limitata dal gap di disponibilità di aree di sosta camper: in Italia circa 2.000, in Francia oltre 4.000, in Germania oltre 5.000. Questo stanziamento è un passo importante nella direzione di recuperare il gap tra l’Italia ed altri Paesi dell’Unione nell’accoglienza dei turisti itineranti. Per questo auspichiamo che venga confermato nel passaggio al Senato.”

Un’ottima opportunità per l’Associazione, da sempre impegnata a sostenere e collaborare con il governo, i comuni e le istituzioni per promuovere un turismo all’aria aperta sostenibile. Inoltre, l’Onorevole Francesco Michelotti, deputato eletto nel territorio Valdelsano in cui si concentra il 90% della produzione di camper in Italia ha sottolineato l’importanza di questa iniziativa: “Ottime notizie per il settore della camperistica e per il nostro territorio. Questa approvazione apre nuove prospettive positive per il settore e l’incoming di viaggiatori nel nostro Paese”.

Leggi ora: le novità auto 

Ultima modifica: 2 Novembre 2023