Ania Campus, a lezione di motorino, le iniziative con le scuole

2132 0
2132 0

Prevenzione e formazione. Queste le parole chiave che costituiscono il filo rosso delle attività portate avanti a partire dal 2004 da Fondazione Ania.

Progetti che vanno dalla sicurezza stradale, alla sanità, al contrasto alla ludopatia e che vedono partenariati con il ministero degli Interni, la Polizia stradale, i Carabinieri e il Miur.

Con quest’ultimo è stato siglato un protocollo di intesa per coinvolgere attivamente migliaia di studenti delle scuole superiori italiane diffondendo una nuova cultura del rispetto delle regole della strada.

Ania Campus

Il progetto Ania Campus ha coinvolto negli anni oltre 12mila ragazzi in tutta Italia, coinvolgendo, nel solo 2019, 18 complessi scolastici di medie inferiori e superiori e offrendo a circa 1.100 ragazzi lezioni teoriche e pratiche su bicicletta e scooter.

Diffondere la cultura della prevenzione e dei corretti stili di vita è invece l’obiettivo dello Street Health Tour, la manifestazione itinerante di Fondazione Ania che, grazie a un truck, ad oggi, ha fatto tappa nelle piazze di 35 città italiane dando la possibilità di effettuare gratuitamente 17.500 check up gratuiti, in alcuni casi risultati decisivi per salvare vite.

Ania Campus

Ania Cares

Tra i progetti avviati a partire dal 2017 da Fondazione Ania, nell’ottica di un ampliamento della sua mission, centrale risulta Ania Cares: un pronto soccorso psicologico ideato in collaborazione con La Sapienza Università di Roma e con la Polizia Stradale, con lo scopo di fornire assistenza psicologica alle persone coinvolte di incidenti stradali e ai familiari delle vittime.

Operativo dal marzo 2017 a Roma, Milano, Firenze e Campobasso, il servizio ha ricevuto 1.670 chiamate, per un totale di 452 pazienti che hanno attivato il programma di aiuto psicologico e svolto 1.150 sedute di psicoterapia. Il progetto si completa con il programma ‘Un passo in avanti’ che fornisce a chi ha subito lesioni al midollo spinale la possibilità di utilizzare un esoscheletro robotico.

Giulia Prosperetti

Ania Campus

Ultima modifica: 13 Dicembre 2019