Alfa Romeo Tonale Q4, come va con la tecnologia plug-in hybrid | VIDEO

640 0
640 0

Tonale Plug-In Hybrid Q4 è la punta di lancia della nuova era Alfa Romeo. Rappresenta lo zenit attuale della tecnologia e della qualità del Marchio.

Incarna la tensione verso l’eccellenza del marchio, già riconosciuta negli USA, nella classifiche di gradimento dei clienti.

Una via decisa

E incarna la progressione verso la elettrificazione. Con obiettivi ambiziosi. Da zero a zero in quattro anni: ovvero da zero auto elettriche a inizio 2023 a tutta la gamma a zero emissioni nel 2027.

Tonale Plug-In Hybrid Q4, prova della Alfa Romeo della svolta
Tonale Plug-In Hybrid Q4: ssrà la Alfa Romeo della svolta?

Potenza e confronto

Tonale Q4 è la prima ibrida alla spina del Biscione e garantirà un 40% di emissioni di CO2 in meno istantanee su tutta la gamma. Quella della sportività efficiente, come la chiamano ora ad Arese.

Porta in dote i 280 cavalli di potenza di sistema, una batteria da 15,5 kWh che permette fino a 80 km di autonomia in elettrico nel ciclo urbano, la trazione integrale elettrificata e una affinamento generale della dinamica di guida.

Tonale Q4

Lancia il guanto della sfida

E’ l’Alfa Romeo più efficiente di sempre, con emissioni medie di 26 g/km di CO2. Il prezzo parte da 51.600 euro.

Jean-Philippe Imparato, Ceo del Marchio, lancia il guanto della sfida. «Non temiamo nessuno, questa vettura è al vertice della sua classe, anche rispetto a BMW X1 o Volvo XC40. E tra qualche anno saremo pronti anche per le elettriche: saremo meglio di cinesi e tedeschi»

Elettro-Biscione

A prima vista Tonale Plug-In Hybrid Q4 differisce davvero poco dalle versioni mild hybrid e Diesel. All’esterno spicca la presa di alimentazione della batteria e per la presenza di un logo nuovo, chiamato Elettro Biscione, sul voletto del vetro posteriore sinistro.

Elettro Biscione nella strumetazione: bianco, alimentazione a benzina, verde ibrido, blu elettrico.

Il simbolo appare anche nella strumentazione. Cambia colore in base allo stato del motore elettrico. Bianco: spento. Verde: acceso. Blu: acceso e in carica.

Con la presenza dell’accumulatore, cala il bagagliaio (da 500 litri a 385) e aumenta il peso da 1.580 kg a 1.835 kg. Ma spingono due motori, davanti il 1.3 benzina da 180 cavalli, dietro il propulsore elettrico da 90 kW. Su strada esibisce una fluidità di marcia eccelsa.

Valorizzata da prestazioni (0-100 km/h in 6,2 secondi), ma soprattutto da un comportamento dinamico molto preciso. Mai estrema, sempre brillante, anche solo in elettrico, fino a 135 km/h e con circa 50 km reali di autonomia in EV in un ciclo misto.

Sulla rotella del DNA le modalità di guida sono ben definite.

  • Dynamic per avere sempre la massima potenza e risposta di tutti gli organi.
  • Natural con guida full hybrid e trazione integrale: buona per tutte le occasioni.
  • Advanced Efficiency per avere una marcia il più possibile in elettrico.

Ci sono il veleggio e il recupero di energia, in frenata, ma anche la funzione E-Save per mantenere la batteria o ricaricarla con il motore termico.

I 120 cavalli in più rispetto a Tonale mild hybrid si sentono sempre. Anche l’assetto votato a bilanciare gli oltre 200 kg in più di peso. Lo sterzo è polivalente, morbido e docile alle basse velocità, più diretto se si aumenta il passo.

Pronta a viaggiare per più di 600 km una volta riempiti serbatoio e batteria Tonale Q4, sfodera un ottimo comfort, di acustica e di marcia.

Ultima modifica: 25 Novembre 2022

In questo articolo