Alfa Romeo Stelvio TI al Salone di New York, versione americana

6618 0
6618 0

Alfa Romeo Stelvio TI al Salone di New York. Arrivano le versioni “normali” per gli USA dopo la presentazione lo scorso autunno della straripante Quadrifoglio. Per gli Stati Uniti non c’è il diesel, ma il performante 2.0 turbo benzina da 280 cavalli (e 306 Nm di coppia), già apprezzato in Europa. Con le stesse caratteristiche dinamiche dei modelli europei. Trazione integrale, cambio automatico a 8 marce, albero di trasmissione in carbonio. Questo per la versione base, paragonabile alla nostra Super.

L’Alfa Romeo Stelvio TI aggiunge i cerchi da 19″, i sedili anteriori e il volante riscaldato, i sensori di parcheggio anteriori, dettagli in legno degli interni. E ancora il display da 8″8. Ci sono anche i pacchetti Sport e Lusso. Il primo offre cerchi da 19″ su Stelvio standard e da 20″ su Stelvio TI, sedili in pelle con 12 regolazioni elettriche, i padelle in alluminio, volante sportivo, pedaliera sportiva, mancorrenti sul tetto e pinze dei freni di colore a scelta, rosso, giallo o nero lucido.

Il pacchetto Lusso sull’Alfa Romeo Stelvio TI offre sedili in pelle pieno fiore, i sedili a 12 regolazioni, dettagli in rovere, plancia in pelle e atri esclusivi dettagli.

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio

Il top della gamma del SUV è ovviamente la Stelvio Quadrifoglio. Che esibisce il suo fantastico motore V6 da 2,9 litri in alluminio a iniezione diretta. Dotato di  24 valvole e twin-turbo intercooler. Eroga  un 505 cavalli (510 in Europa) e 600 Nm di coppia. L’accelerazione da 0 a 60 miglia (96 km/h) si completa in 3,9 secondi e la velocità massima è di 177 miglia, ovvero 285 km/h.

Spicca per i cerchi in alluminio da 20 pollici con freni Brembo ad alte prestazioni, del selettore Alfa DNA Pro con modalità Race e sospensioni regolabili, il sistema di disattivazione dei cilindri per una migliore efficienza del carburante. I sedili sono  gli ultraleggeri in scocca in carbonio di Sparco corsa, per il massimo supporto laterale.

Il sistema di trazione Q4 funziona tramite un differenziale anteriore. Che porta la motricità quando serve dal retrotreno alle ruote anteriori fino al 60%. Normalmente in condizioni di asciutto e aderenza perfetta la potenza è scaricata al 100% dietro.
Il Torque Vectoring aiuta l’inserimento in curva, abbinato alla trazione integrale. Opera con due frizioni nel differenziale posteriore che permettono di ottimizzare la coppia per ogni ruota. Variando così la traiettoria e di fatto annullando il sottosterzo.

Ultima modifica: 7 Aprile 2017

In questo articolo