McLaren: arrivano 550 milioni di sterline dall’Arabia Saudita

152 0
152 0

Il gruppo McLaren ha conseguito un aumento di capitale di 550 milioni di sterline, circa 637 milioni di euro, grazie a un grosso investimento proveniente dall’Arabia Saudita.

Buona parte del denaro proviene dal fondo di investimenti pubblico Saudi Arabia’s Public Fund e dalla società privata Ares Management: solo da questi due soggetti sono arrivati ben 400 milioni di sterline. I restanti 150 milioni sono stati dati da “un numero limitato di nuovi investitori privati” (così recita il comunicato ufficiale).

Questo gran flusso di denaro nelle casse di McLaren permetterà alla società inglese di far fronte al debito contratto con la Banca nazionale del Bahrain circa un anno fa, che è servito a sua volta ad affrontare le difficoltà economiche causate dalla pandemia di Coronavirus.

“Sulla base delle misure a breve termine che abbiamo messo in atto la scorsa estate in risposta alla pandemia globale”, dice Paul Walsh, presidente del gruppo inglese, “McLaren ha intrapreso una serie di passi significativi per mettere l’azienda su una base stabile a lungo termine, con lo stretto supporto dei suoi consulenti e azionisti esistenti”.

Walsh ha inoltre sottolineato come i nuovi investimenti arabi potranno andare a vantaggio non solo del motorsport (verso il quale l’Arabia Saudita è particolarmente attenta), ma anche dello sviluppo del comparto stradale, con nuovi modelli in cantiere, fra cui la McLaren Artura, la prima ibrida del marchio.

Ultima modifica: 19 luglio 2021