Per l’ultimo film di James Bond sono state utilizzate ben cinque Aston Martin DB5

1154 0
1154 0

Sapevamo già che la Aston Martin DB5 sarebbe stata una delle protagoniste a quattro ruote di ‘No Time to Die’, il nuovo film della saga di James Bond. Si tratta di un glorioso ritorno nel mondo di 007, dopo aver già “recitato” in altre iconiche pellicole della saga: nel 1964 in ‘Missione Goldfinger’, nel ’65 in ‘Thunderball (Operazione Tuono)’, in ‘GoldenEye’ nel 1995, nel 1997 in ‘Il domani non muore mai’, in ‘Casino Royale’ nel 2006 e in ‘Skyfall’ nel 2012.

Per ‘No Time to Die’ sono stati usati ben cinque esemplari di Aston Martin DB5, debitamente accessoriati e settati per eseguire tutte le evoluzioni necessarie alle scene d’azione. Nel video qui sotto, i produttori del film hanno voluto fornire una piccola panoramica di come l’auto è stata utilizzata sul set.

Nel filmato compaiono Neil Layton, responsabile dei veicoli per il film, e lo specialista di effetti speciali Chris Corbould, i quali spiegano brevemente come hanno sistemato la DB5 in modo tale da darle la possibilità di cimentarsi in acrobazie ed evoluzioni. Fra gli accessori, citiamo speciali roll-bar integrate per la sicurezza degli stuntman, freni a mano idraulici, per cambi di direzione più fluidi, e ovviamente i vari gadget “alla James Bond”, come le mitragliatrici che emergono dai fari o il sistema che permette di emettere una cortina fumogena dal tubo di scappamento.

Ultima modifica: 30 Settembre 2021