Viaggi in camper con gli animali, on the road pet friendly

843 0
843 0

Viaggi in camper con gli animali, APC sa bene che il legame tra padroni e i pet è tanto profondo da considerarli come veri e propri membri della famiglia.

Il camper permette di godere del viaggio a fianco dei nostri amici a quattro zampe, togliendoci anche il pensiero di doverli lasciare a casa o nelle pensioni per animali. Spesso infatti gli animali non sono ben accetti nei mezzi di trasporto pubblici e tantomeno nelle strutture ricettive. Nella nostra casa on the road tutta la famiglia è benvenuta, c’è spazio per tutto e per tutti. Scegliendo mete accessibili sia ai bipedi che ai quadrupedi e adottando qualche accorgimento dedicato ai nostri compagni di avventura, le incombenze del viaggio lasceranno spazio al puro relax e al divertimento.

A questo proposito, APC ha stilato una to do list e qualche consiglio per i camperisti e le camperiste che viaggiano con animali al seguito, così da godersi i viaggi senza farsi mancare nulla.

1) Programmare la partenza

Innanzitutto è bene scegliere una destinazione in cui i nostri amici fidati siano i benvenuti. Sarebbe spiacevole recarsi in una spiaggia attrezzata o presso un’attrazione turistica per poi fare ritorno al camper perché l’accesso è vietato agli animali, o dover parcheggiare in un’area di sosta senza spazi verdi. Sia per la meta che per le piazzole, informarsi prima di partire eviterà di dover cambiare i piani all’ultimo minuto. Le strutture pet friendly oggi sono molte e ben distribuite sul territorio, così come le aree sosta camper.

2) Preparare il nostro animale prima di fare viaggi lunghi

Il viaggio andrà liscio se il nostro accompagnatore percepisce il camper come un luogo sicuro. Gli esperti consigliano di abituare l’animale a salire a bordo del camper per brevi tragitti, che portino eventualmente ad un luogo a lui gradito, come il parco: così facendo, sarà felice di partire per davvero e attenderà con pazienza l’arrivo.

Da programmare anche le soste durante il tragitto di viaggio, specie se di lunga durata. Come gli esseri umani, anche gli animali hanno bisogno di sgranchirsi le gambe e fare i bisogni ogni due o tre ore. Se è in previsione un tratto di autostrada, è saggio documentarsi sulle uscite o sulle zone di sosta temporanea in cui gli animali possano riprendersi dalla staticità, magari con aree erbose.

3) Prima di mettersi alla guida: sicurezza e tutto l’occorrente per gli animali

APC è da sempre un’associazione fortemente a sostegno della sicurezza alla guida, che dev’essere estesa a tutti i passeggeri, compresi gli animali: che sia un trasportino, una gabbia o una cuccia fissata alle cinture di sicurezza attraverso appositi guinzagli con agganci dedicati, l’importante è evitare che i movimenti del mezzo possano essere dannosi e che l’animale sia d’intralcio al guidatore. Spesso si utilizza una rete per separare la cabina di guida dal vano abitativo del camper, così da non mettere in pericolo nessuno.

Stabilita la sistemazione? Manca il bagaglio: il nostro amico non avrà certo bisogno di copricostumi o scarpe da trekking, ma la camperlife richiede qualche adattamento delle utilities quotidiane. Cuccia, sacchettini biodegradabili, ciotole e il cibo a cui è abituato (che potrebbe essere introvabile in vacanza) non devono mancare; inoltre può essere una buona idea portare qualche oggetto familiare – come una coperta di casa o dei giochi – per farlo sentire a suo agio. Sempre allo scopo di non farlo agitare, tenere qualche croccantino a portata di mano non guasta mai.

Infine, una bella passeggiata prima di salire a bordo sicuramente consentirà di viaggiare più tranquilli.

4) Documenti necessari per viaggiare con gli animali

Anche i nostri amici a quattro zampe devono poter essere identificati dovunque si trovino. Secondo le normative vigenti, se la meta del viaggio è in Italia, è necessario avere con sé il certificato d’iscrizione all’anagrafe canina e quello di vaccinazione antirabbica. Per viaggi all’estero serve invece il passaporto per animali da compagnia, da richiedere all’Azienda Sanitaria Locale.

5) Durante il tragitto

Il grosso è fatto! Assicurarsi che il nostro amico non abbia accesso alla cabina di guida e/o a qualsiasi altro punto del camper in cui possa ostacolare la vista o i movimenti del conducente sarà un gioco da ragazzi con le precauzioni prese in precedenza. Una guida prudente completerà il tutto.

Come testimoniano numerosi camperisti, durante il viaggio on the road la maggior parte dei cani si accoccola tra i due sedili posteriori, mentre i gatti si rilassano nei trasportini e il viaggio può procedere tranquillo. In generale, è questione di abitudine: se i nostri accompagnatori sanno cosa sta succedendo e si sentono al sicuro, tutto procederà per il meglio.

Condividere un’esperienza di viaggio con chi amiamo è sempre emozionante. Adottando questi piccoli accorgimenti, si entrerà in vacation mode senza pensieri e non resterà che godersi l’avventura con i nostri amici a quattro zampecamper

 

Leggi ora: le novità auto

Ultima modifica: 23 Maggio 2023