Telepass.it, tre consigli per navigare sul sito

2741 0
2741 0

Prima di entrare nel merito del sito web Telepass.it , chiariamo una cosa per chi ancora non ne fosse a conoscenza. Il Telepass, ossia quel dispositivo che fino a ieri ci ha permesso di varcare velocemente i caselli autostradali, da qualche tempo ha qualche funzione in più. Vediamo nel dettaglio di che cosa si tratta e scopriamo come navigare al meglio nel sito.

Al passo con i tempi

Telepass per molti fa rima con velocità. Come è infatti noto, con un canone tutto sommato contenuto e dotando il proprio veicolo di una semplice scatoletta dalle piccole dimensioni, non ci sono più code per pagare il pedaggio autostradale. Telepass è infatti stata per decenni l’unica azienda a permettere agli automobilisti di viaggiare comodi e indisturbati, per molti versi una vera rivoluzione.

Ma l’azienda, consapevole che per stare al passo con i tempi bisogna evolversi, da qualche tempo ha sviluppato nuovi servizi. Oltre al pagamento dell’autostrada, oggi con il dispositivo si può fare rifornimento – dunque non si usano più carte di credito e carta moneta – e si possono anche pagare i parcheggi. Non solo. C’è addirittura la possibilità di pagare il bollo auto o lo skipass.

L’area riservata e una curiosità

Detto questo, torniamo al sito. Sul sito Telepass sono naturalmente elencati i prodotti e i servizi messi a disposizione dell’azienda, così come è possibile consultare le offerte. Ma il valore aggiunto è l’area riservata: per gli utenti Telepass, è sufficiente registrarsi sul sito. Da quel momento in poi si potrà accedere a una serie di servizi, non ultimo quello legato alla fattura. In pratica, si potranno scaricare (quasi) in tempo reale i viaggi fatturati, un servizio sicuramente comodo per chi, per esempio, deve presentare una nota spesa di lavoro entro un lasso di tempo breve e non può quindi aspettare che venga fatturato tutto il mese. Un altro servizio molto pratico – in questo caso non occorre essere registrati – riguarda la mappa (real time) dei servizi Telepass: è sufficiente indicare la propria posizione e consultare la mappa digitale.

Infine, una curiosità. Proprio andando sul sito di telepass.it si scopre che, per chi aderisce entro il 31 marzo, oltre a una serie di servizi, si potrà anche scegliere il colore della “scatolina”. Dunque non più il solito grigio a cui ci si era abituati negli anni, ma anche colori particolarmente vivaci, quali il giallo, il rosa e il verde flou.

Ultima modifica: 11 Marzo 2019