Segnali stradali: significato divieto di sosta

35078 0
35078 0

Il segnale di divieto di sosta è presente principalmente su strade urbane ed extraurbane, ha un suo significato preciso e può essere integrato da pennelli.

Si tratta di uno dei segnali stradali più utilizzati ma anche uno di quelli che mette più in confusione se non si ha una buona dimestichezza con la sua ‘lettura’. Oggi è abbastanza raro trovare il segnale di divieto di sosta da solo, lo si trova quasi sempre accompagnato o, per meglio dire, integrato da pannelli che completano le informazioni riguardo la sua validità, la sua estensione e forniscono informazioni relative ad eventuali eccezioni.

Innanzitutto partiamo dall’estetica, il segnale stradale di divieto di sosta è di forma tonda, il fondo è blu, ha il contorno e una striscia obliqua di colore rosso. Che cosa significa? Indica che non è possibile effettuare la sosta (ricovero prolungato con assenza del conducente) del veicolo nel punto in cui si trova la segnaletica verticale.

Esiste una grande confusione generale col segnale di fermata. Chiariamo subito che laddove non fosse espressamente segnalato, in presenza di divieto di sosta la fermata è consentita (per fermata si intende un’interruzione di marcia temporanea atta ad esempio per consentire ai passeggeri di salire o scendere dal veicolo).

Generalmente troveremo un segnale di divieto di sosta alla cui base sarà presente un pannello integrativo allo scopo di completare l’informazione sul divieto. Ma che indicazioni possiamo trovare sui questi pannelli?

Molto diffusi sono i pannelli che indicano INIZIO o FINE del divieto, stanno a segnalare che nel tratto immediatamente successivo al cartello non sarà possibile sostare o, in maniera evidente, la fine della validità del segnale stesso.

Molto diffuso anche il pannello raffigurante un carro attrezzi. Ci segnala la RIMOZIONE FORZATA del veicolo, vuol dire che, non solo potremmo incorrere in una multa se sostiamo in un determinato tratto, ma che il nostro veicolo verrà rimosso attraverso l’ausilio di un carro attrezzi (con conseguenti spese di trasporto e ricovero del veicolo da sostenere in aggiunta alla sanzione).

Un utilizzo molto importante del divieto di sosta consiste nel segnalare un punto di sosta riservato ai soggetti invalidi; il divieto viene integrato da una segnaletica orizzontale costituita da strisce gialle, In questo caso il cartello di divieto di sosta viene necessariamente accompagnato da un pannello integrativo recante il numero di autorizzazione comunale e la targa del solo mezzo autorizzato a sostare in quel tratto.

Ultima modifica: 25 Luglio 2017