Portabici auto: modelli, funzionamento e come montarli

1158 0
1158 0

Un viaggio in montagna o verso paesaggi naturali tenta i ciclisti a portare con sé le proprie biciclette. Al fine di viaggiare in sicurezza e in conformità alla legge, è necessario munirsi di portabici auto omologati. Vediamo quali modelli di portabici auto esistono in commercio, e il loro confronto tra prezzo e comodità.

Modelli di portabici auto, tipologia e prezzi a confronto 

Gli amanti delle biciclettate in montagna o in mezzo alla natura non rinunciano a portare con sé la propria bici durante il viaggio in macchina. Per questo scopo, esistono diverse tipologie di modelli di portabici auto. I principali sono tre:

  • posteriore: questo portabici per auto si monta nella parte posteriore dell’auto, sul baule. Questo modello è in grado di sostenere più bici insieme, portandole con sé in auto. Le ruote delle bici possono essere ulteriormente assicurate al portabici, da cinghie date in dotazione. Questa soluzione è la più economica, aggirandosi dai 60 euro in su;
  • da tetto: il modello portabici per auto da tetto è comodo, in quanto le biciclette non intralciano parti della macchina. Essendo posizionate in alto, sopra al tetto dell’auto, le bici vengono legate, in sicurezza, da apposite corde e agganci. Il portabici auto da tetto presenta un costo leggermente più elevato;
  • gancio da traino: questa soluzione è spesso considerata la più comoda. Le bici vengono posizionate sopra al portabici, legato al gancio da traino della vettura. Questo modello consente di portare fino a quattro biciclette, ma è anche il più costoso. Il portabici auto con gancio da traino può costare anche 300 euro e alcuni modelli consentono di trasportare anche bici elettriche.

In base alle proprie esigenze, alla lunghezza del viaggio e al numero di bici da trasportare, è possibile scegliere tra questi tre modelli omologati per auto. Il loro montaggio presenta diversi vantaggi o svantaggi a seconda dei modelli.

Come montare il portabici auto, vantaggi e svantaggi

Partendo dal portabici auto posteriore, questo è conveniente in termini di prezzo, comodo da montare e più stabile. Tuttavia, il carico di peso è rivolto tutto verso la carrozzeria, oltre che questo modello di portabici intralcia l’apertura esterna del baule.

Per quanto riguarda il portabici auto da tetto, presenta prezzi accessibili e non ostacola sensori o portiere dell’auto. Lo svantaggio sta nel fatto che questo modello non è di facile installazione, soprattutto se svolta da soli. Il rischio di graffiare l’auto durante il montaggio deve essere considerato. Caricare biciclette su un tetto di un’auto, spesso alto, non è di comodità immediata.

Infine, il portabici auto con gancio da traino distribuisce meglio il peso, è stabile e sicuro, non ostacola le portiere dell’auto. Lo svantaggio è il costo e il fatto che si deve essere muniti del gancio da traino adeguato. Attraverso questo confronto, ogni ciclista, guidatore di auto, può capire come optare al modello portabici auto più adeguato.

Ultima modifica: 13 Ottobre 2022