Passaggio di proprietà per le auto usate: le novità

6677 0
6677 0

Il Decreto Legislativo di recente approvato dal Governo riguarda il documento unico di circolazione sia per le auto nuove che usate, che ha validità sia di certificato di proprietà che di carta di circolazione. Il provvedimento coinvolge i veicoli che vengono immatricolati dal 1 giugno 2018, ma anche i passaggi di proprietà per le macchine usate. Ma come funziona?

Passaggio di proprietà dell’auto usata: i documenti necessari

Quando si deve acquistare un’auto usata, per effettuare le procedure per il passaggio di proprietà, ci si può rivolgere a un’agenzia di pratiche – che inevitabilmente aggiunge una tariffa al costo effettivo – oppure eseguire tutto da sé.

In entrambi i casi servono diversi documenti: il Certificato di Proprietà (CdP); la carta di circolazione originale e una fotocopia della stessa; il documento di identità e il codice fiscale dell’acquirente (due copie di ciascuno); il documento di identità del venditore; un modulo TT2119, necessario per aggiornare la carta di circolazione, reperibile presso gli sportelli telematici dell’automobilista (STA) in tutta Italia.

Passaggio di proprietà: cosa cambia

Il passaggio di proprietà in sostanza non cambia molto: ci si continua a rivolgere allo Sportello telematico dell’automobilista (Sta) alla Motorizzazione o nelle agenzie private di pratiche auto collegate. L’autentica della firma di chi vende l’auto si esegue anche in Comune o da un notaio. Nello sportello invece si effettua tutta la burocrazia che riguarda gli acquisti delle auto e moto, nuove o usate.

Quello che cambia nel passaggio di proprietà delle auto usate è il costo: non si pagheranno più 41,78 euro per le targhe e i 16 del bollo sul rilascio della carta di circolazione, ma verrà consegnato solamente un tagliando da incollare al documento precedente, che va ad aggiornarlo, permettendo così di risparmiare 32 euro. L’imposta di trascrizione al Pubblico Registro Automobilistico però aumenta, essendo un’auto usata che vale meno rispetto a una nuova (la cifra va dai 150,81 euro in su in base ai KW).

Ultima modifica: 26 Aprile 2017