Manutenzione auto: buoni propositi per quest’anno

386 0
386 0

Quando inizia un nuovo anno, tanti di noi si ritrovano a promettersi di non fare più questa o quell’altra cosa, e di confermare le (poche?) azioni virtuose dell’anno appena concluso. Ma probabilmente sono in pochi a tracciare un bilancio della nuova stagione anche per in relazione alla propria automobile. E invece si tratta della cosa da fare se si vuole mantenere il più a lungo possibile in efficienza il veicolo. È il caso quindi che anche sulla manutenzione auto si faccia il punto dei buoni propositi per l’anno che inizia.

Consigli per la manutenzione auto

Le raccomandazioni da osservare sono perlopiù quelle che riguardano i componenti basilari del veicolo. Accorgimenti essenziali che tutti conoscono, ma che, ed è questo il punto vero, pochi sono attenti ad attuare, per trascuratezza o sottovalutazione.

Ad esempio: perché non sfruttare l’inizio di un nuovo anno per ricordarsi di controllare la pressione degli pneumatici? Si tratta di un accorgimento fondamentale principalmente per la sicurezza, ma anche per la riduzione dei consumi e dell’usura dei copertoni stessi. Ovviamente non “solo” ma “almeno” all’inizio dell’anno, operazione da ripetere poi periodicamente con cadenza quantomeno mensile. E non è necessario recarsi in officina. È sufficiente chiederlo al proprio benzinaio di fiducia o persino farlo a casa: bastano un manometro e un compressore.

Altrettanto importante, durante la manutenzione auto, è cambiare le spazzole dei tergicristalli. Per capire quando è ora di sostituirle è sufficiente azionarle in condizioni di pioggia poco battente o di asciutto. Se lasciano segni sul cristallo è giunto il momento di cambiarli. Possiamo farlo anche da soli, dopo aver acquistato il modello delle giuste dimensioni presso un autoricambi.

A dir poco cruciale per una corretta manutenzione auto è anche il buon funzionamento della batteria elettrica. Senza di lei, non si parte (o riparte). Restare a piedi, magari in una stradina di campagna e al buio, può essere un attimo. Per questo è necessario verificare con frequenza lo stato di salute di una batteria, soprattutto se abbiamo notato che talvolta ha faticato ad avviarsi. Sostituire è chiaramente la soluzione definitiva. Ma può bastare anche ricaricare la batteria con i classici cavi, se il malfunzionamento è legato a una episodica dimenticanza di luci o componenti elettriche in accensione prolungata.

Luci, olio e liquidi di raffreddamento

Altro accorgimento che vi suggeriamo per la manutenzione auto: date un’occhiata alle lampadine dell’auto. Non sempre notiamo durante la guida che un fanale è “fulminato”, e talvolta fallisce anche la spia di segnalazione sul cruscotto. Facciamo una rapida rassegna in garage, spegnendo l’illuminazione della stanza e accendendo il quadro della vettura.
Se c’è qualcosa che non va, salterà subito all’occhio. E c’è ancora un’altra cosa da non dimenticare: rabboccare il livello dell‘olio nel motore e dei liquidi di raffreddamento. Controllare il livello dell’olio è semplicissimo: basta tirare fuori la classica astina, pulirla, reinserirla, e verificare se il lubrificante raggiunge o meno il segnale limite. Le tacchette tracciate sull’asta metallica ci indicano quanto rabbocco occorra.

Ultima modifica: 22 febbraio 2022