Le più famose auto cinematografiche

1389 0
1389 0

Il mondo delle automobili e del cinema è legato a doppio filo. L’uno, molto spesso, ha influenzato l’altro. Ci sono state auto di enorme successo al cinema, vetture che non esistevano e che sono state inventate per un progetto cinematografico ben preciso…Ce ne sono state altre, invece, che sono diventate famose grazie al cinema. E che proprio per questo si sono rivelate degli autentici successi commerciali.

La Dodge dei Blues Brothers

Si chiamava Blues Mobile ed era una vecchia Dodge comprata all’asta da una svendita della polizia di Chicago. Era lei la vera e grande protagonista di uno dei film più straordinari e influenti della storia del cinema, The Blues Brothers.

La Blues Mobile distruggeva qualsiasi cosa le si parasse davanti: mitica la scena nella quale all’inizio del Primo film devasta un intero centro commerciale in un inseguimento con la polizia. La macchina, poi, cadrà a pezzi, distrutta al termine della pellicola, quando i due fratelli Blues, Jake ed Elwood, raggiungeranno finalmente l’ufficio delle tasse di Chicago per pagare un vecchio debito. Una scena indimenticabile per realizzare la quale il regista John Landis sistemò decine di microcariche di esplosivo all’interno del veicolo.

La Delorean di Ritorno al Futuro

Probabilmente senza la saga di Ritorno al Futuro la Delorean sarebbe rimasta una vettura di nicchia per gli appassionati americani. E invece oggi è conosciuta in tutto il mondo proprio per quei tre film, con protagonista Michael J. Fox, per il quale da anni si parla di un possibile sequel che non è mai stato realizzato anche a causa dei problemi di salute dei problemi di salute di Fox, che da anni combatte con il morbo di Parkinson.

La Delorean era una berlina sportiva tipicamente anni ‘80, il modello era la DMC-12 famosa per la sua apertura delle porte ad ala di gabbiano. All’interno, per esigenze di sceneggiatura, era stato equipaggiato un vero e proprio prodigio di tecnologia, una macchina del tempo, che sfruttando un ‘flusso canalizzatore’ poteva consentire balzi nel passato o nel futuro a due condizioni: raggiungere le 88 miglia orarie e ricevere una scossa da 1.21 gigawatt.

Il caso della Delorean è più unico che raro. Auto semi sconosciuta nel mondo che diventa oggetto di collezione, richiestissima da tutti gli appassionati. Ancora oggi, possedere una di DMC-12 è un notevole motivo di vanto. A patto di ricostruire perfettamente le ventole e il reattore posteriore, così come nei bozzetti dello sceneggiatore della serie, Ron Cobb.

Ultima modifica: 1 Febbraio 2021