Controllo punti patente: come fare

2651 0
2651 0

La patente a punti quest’anno compie ben sedici anni. Sembra ieri e invece era il 2003 quando, quasi contestualmente alla rivoluzione dell’introduzione dell’euro, è arrivata questo provvedimento che ha completamente rivoluzionato le abitudini degli automobilisti. Magari è superfluo ma vale la pena ricordare in che cosa consiste: ogni patente, dal momento del suo conseguimento, porta con sé una dotazione di venti punti. Ogni infrazione grave al Codice della Strada porta invece a una decurtazione di punti: ogni anno di buona condotta porta due punti in più e ogni patente può arrivare a un massimo di trenta punti, oltre i quali non si può andare. Se non si sa quanti punti si hanno è possibile effettuare un controllo punti patente.

Controllo punti patente e come recuperarli

Pochi sanno anche che i punti che vengono decurtati possono essere recuperati senza necessità di corsi di recupero: bisogna semplicemente comportarsi come si deve e non subire altre sanzioni e in quel caso i punti sottratti, a meno di casi particolarmente gravi, vengono riaccreditati. Ogni anno senza sanzione porta due punti anche a chi qualche decurtazione l’ha subita in passato. La patente è come una carta ricaricabile: quando i punti cominciano a scarseggiare si può decidere di evitare rischi sostenere un corso di recupero. La norma stabilisce che il massimo di punti che si possono recuperare è venti, ovvero quello in dotazione a una patente “vergine”. Dodici ore fruttano sei punti: con quaranta ore di lezione presso una scuola guida riconosciuta si fa il pieno. In qualche caso potrebbe essere necessario dover sostenere di nuovo l’esame per la patente, se questa è stata sospesa per gravi infrazioni.

Non sempre basta recuperare i punti della propria licenza di guida. Bisogna prestare attenzione ai punti che vengono tolti: eccesso di velocità di 60 chilometri all’ora oltre il consentito, guida contromano, sorpasso azzardato, trasporto di materie pericolose senza certificati e permessi…. Tutte queste trasgressioni comportano 10 punti. Attenzione anche alla somma delle varie infrazioni: nulla vieta alle forze dell’ordine di sanzionare più decurtazioni per numerose e diverse violazioni del codice. Il record spetta a un neopatentato di Treviso che in dieci minuti prese 136 punti di sanzione. Non ha mai più guidato. Peggio di lui fece un giovane a bordo di un coupé sportivo in Sardegna: eccessi di velocità in serie per ventitre multe e 146 euro. Fece ricorso e alcune sanzioni gli vennero tolte.

Se non si vogliono sorprese, effettuare il controllo punti patente è facilissimo. Basta accedere al portale dell’automobilista on line e con una semplice registrazione questo servizio è offerto gratuitamente. Il sito è stato creato anni fa su iniziativa del Ministero dei trasporti. Gli utenti dello smartphone possono scaricare l’applicazione iPatente e telefonicamente si può avere nota della propria dotazione punti chiamando il numero 848.782.782. Il servizio è automatico ed è arrivo 24 ore su 24. Il costo da un numero fisso è quello di una chiamata urbana, chiamando da cellulare dipende dal proprio piano tariffario. In ogni caso tenete a portata di mano il numero della vostra patente che sarà necessario per le opportune verifiche.

Ultima modifica: 18 Giugno 2019