Concessionaria vs E-commerce, qual è il futuro?

2394 0
2394 0

Quando ci si appresta all’acquisto di una nuova auto, balza subito in mente la concessionaria e l’iter che ne consegue tra venditore ed acquirente. Ma, da qualche anno a questa parte, l’e-commerce ha preso una grande fetta del mercato degli acquisti e la crescita appare esponenziale anche negli anni a venire. Colossi come Amazon o Ebay, ad esempio, sono nati come piccole realtà online per la vendita di libri l’uno e oggetti da collezione l’altro ma, adesso, il loro bacino d’utenza è immenso, sopratutto per l’e-commerce di Jeff Bezos. Ciò, di conseguenza, va a toccare anche l’acquisto di una nuova vettura che, oramai, è possibile effettuare online bypassando il negozio fisico. Vediamo nel dettaglio concessionaria vs e-commerce.

I pro della Concessionaria

Senza dubbio, come d’altronde in ogni negozio fisico, il principale beneficio di acquistare la propria auto in Concessionaria è la possibilità di visionarla dal vivo. Questo, per toccarne ogni componente, sedersi sui sedili ed ammirarla in toto. Ciò dà la sensazione all’acquirente di scegliere precisamente ciò che fa al caso suo, evitando almeno nella maggior parte dei casi, di rimanere deluso, una volta completata la transazione.

Un altro aspetto benevolo, da non prendere sottogamba, è dato dalle eventuali richieste di informazioni dell’acquirente al venditore. Così, verranno immediatamente chiarite con un quadro limpido della vettura presa in considerazione. Un ulteriore punto a favore per il rivenditore d’auto fisico è senz’altro l’immediatezza burocratica.

Dunque, il cliente, entra in Concessionaria e chiarisce i suoi dubbi. Dopo aver scelto la vettura più consona alle proprie esigenze, potrà seduta stante firmare il contratto per l’acquisto della stessa senza recarsi in ulteriori uffici.

I contro della Concessionaria

Acquistare un’auto in concessionaria, però, ha anche i suoi svantaggi. In primis la scelta ristretta che spesso e volentieri, varia da 10 a 30 vetture in base alla grandezza del rivenditore fisico. Ovviamente, in questo numero di auto presenti sono compresi più modelli, con diverse fasce di prezzo e ciò ridurrà ulteriormente la scelta del compratore.

Se, ad esempio, si sta optando per un fuoristrada in una piccola Concessionaria da 10 vetture saranno 2 o 3 al massimo e ciò costringerà il cliente ad optare per una tra quelle scelte obbligate. E, magari, non è propriamente consona alle sue esigenze.

Vi sarebbe anche la possibilità di richiedere al rivenditore un modello differente, ma com’è lecito attendersi, il costo del trasporto ed eventuali commissioni graveranno molto sul prezzo finale. Oltre al fatto che il cliente starà acquistando a scatola chiusa perdendo i benefici tipici del negozio fisico.

Un ulteriore aspetto poco edificante delle concessionarie è la proposta di vetture in linea col mercato, ovvero è semplice trovarne di Fiat e Bmw. Tuttavia, è molto meno facile acquistare in un rivenditore d’auto Tesla o Porsche. Ciò è dato dalla richiesta del mercato che presume come un’utilitaria venda più di un’auto elettrica. Il che è vero, ma ciò taglia fuori ogni acquirente che vorrebbe optare per un marchio innovativo, seppur più costoso e meno venduto.

I pro dell’E-commerce

Malgrado fosse utopistico sino a qualche anno fa, adesso è possibile acquistare la propria vettura tramite e-commerce. Il pro più evidente sembra essere l’ampia scelta, dato che ogni realtà automobilistica che si rispetti, oramai, ha creato il proprio shop online. In questo modo, chiunque sia in possesso di una connessione internet, potrà visionare gratuitamente e senza impegno molti tra i modelli in circolazione.

Un ulteriore punto a favore dell’E-commerce rispetto all’acquisto in concessionaria è, senz’altro, la possibilità di visionare ogni singolo dettaglio del mezzo papabile. Il cliente può apprezzare virtualmente tutti gli optional desiderati, visionando al tempo stesso come sarebbe la vettura con le aggiunte effettuate.

Un gioco divertente, ma al contempo estremamente utile e che permette all’utente interessato all’acquisto di provare senza comprare nell’immediato.  Così facendo, si ridurranno al minimo le scelte avventate. Infine, vi è il pro della comodità, ovvero il cliente non dovrà muoversi dalla propria abitazione o da ovunque si trovi (in caso di ricerche e/o acquisto via smartphone o tablet) decidendo lui quando visionare le auto ed, eventualmente, effettuare l’acquisto.

I contro dell’E-Commerce

Acquistare una vettura tramite e-commerce non è, però, tutto rose e fiori. Il contro che balza subito all’occhio è il costo finale dove, malgrado la scelta vasta tra modelli ed optional, sarà doveroso considerare i costi di trasporto che, considerando si tratti di un’auto, risultano essere spesso e volentieri ingenti influendo pesantemente sul prezzo.

Un altro contro dell’acquisto online è rappresentato dal lato burocratico in quanto, ultimato l’acquisto, il cliente dovrà recarsi necessariamente negli uffici appositi per regolarizzare il proprio mezzo in base alle leggi vigenti. Un ulteriore punto a sfavore, riguarda le tempistiche che nella maggior parte dei casi, risultano di svariate settimane.

È facile intuire come il cliente che si appresta all’acquisto di una vettura ne abbia bisogno prima possibile. Attendere un tempo così lungo potrebbe fungere da deterrente all’acquisto finale.

Concessionaria vs E-commerce: conclusioni

Tirando le somme, dopo un quadro quanto più completo possibile dei pro e contro tra e-commerce e concessionaria auto, sembra che al momento la lotta sia impari col negozio fisico avanti. Il poter chiedere informazioni ad un rivenditore reale e visionare di persona l’auto dei propri sogni, gioca ancora un ruolo di fondamentale importanza vista l’imponenza dell’acquisto che si sta per effettuare.

Tale scelta, però, è destinata a scemare col passare degli anni quando l’e-commerce perfezionerà la transazione, riducendo tempi e costi di trasporto della vettura. Oltre a ciò, il gap tra negozio fisico od online potrebbe polverizzarsi nel giro di pochi anni, se verranno introdotte tecnologie come l’ologramma.

Immaginate come sarebbe chiedere informazioni ad una persona dell’altro capo del mondo. Vi appare davanti in tre dimensioni, come da ologramma, esaurendo ogni vostra richiesta in merito all’acquisto. Sarebbe un po’ come trovarsi in concessionaria, per precisione ed immediatezza di informazioni, standosene comodamente in casa propria.

A quel punto, l’E-commerce non solo limerebbe il gap con la concessionaria, ma con ogni probabilità, la supererebbe di buon grado in materia di potenziali clienti.

Ultima modifica: 16 Febbraio 2020