Come sostituire la tappezzeria dell’auto

1250 0
1250 0

Vedere uno strappo nella tappezzeria è una di quelle cose che fa invecchiare la nostra auto di dieci anni in un colpo. È come un graffio su un viso, o un taglio in una tela… ma non è un’opera di Morandi. A parte gli scherzi, molti automobilisti si trovano nel corso degli anni a dover fronteggiare questo tipo di problema. Una situazione abbastanza facile da risolvere, a patto di avere i giusti rudimenti. Vediamo dunque come sostituire la tappezzeria della vostra auto.

Come fare

In realtà, la questione riguarda soprattutto una parte specifica della tappezzeria, ovvero le fodere dei sedili che più di ogni altra sono esposte all’usura giornaliera. Quella del conducente in particolare è inevitabilmente condannata a non durare per l’intera carriera della vettura. Ma quando arriva al capolinea quella parte, non potremo fare a meno di procedere al rinnovo della intera tappezzeria, a meno che non abbiamo la possibilità di trovare materiali idonei per un intervento localizzato.

Ipotesi assai remota in realtà perché le in commercio non è facile trovare le stesse forniture originali delle case produttrici. Più agevole invece procedere alla sostituzione della tappezzeria in tutto l’abitacolo, o almeno sui due posti avanzati per avere uniformità almeno parziale. Un’operazione non impossibile anche con il fai da te.

Cosa serve per sostituire la tappezzeria dell’auto

Innanzitutto occorre dotarsi degli strumenti adatti, ovvero un cacciavite, la fodera idonea alla vostra automobile, delle brugole, una chiave inglese. È preferibile eseguire l’operazione in un periodo di scarso utilizzo come il fine settimana o le ferie estive perché richiede un po’ di tempo e tranquillità. Occorre inoltre uno spazio abbastanza ampio, ben illuminato.

Il primo passo è lo smontaggio dei sedili. Occorre togliere i bulloni che li tengono ancorati allo chassis, avendo cura di osservare se sono presenti anche cavi elettrici che collegano i sedili. È il caso delle auto di nuova generazione che hanno sedili riscaldati. Per quanto concerne i sedili posteriori, occorre togliere i ganci e sollevare la parte inferiore del sedile. Effettuate una lieve pressione per spingerlo verso il portabagagli, così da poter rimuovere il sedile.

A tal punto potrete lavorare con maneggevolezza e rimuovere la vecchia stoffa dallo schienale. Dal momento che non è riutilizzabile, potete procedere anche senza troppe accortezze. Potrete passare così alla fase 3, ovvero quella decisiva: il montaggio della nuova tappezzeria.

Facciamo per un attimo un passo indietro per ricordarvi che prima di mettere mano alla sostituzione occorre accertarsi della tipologia di materiale da acquistare. La soluzione migliore è verificare sul libretto o sul manuale di bordo del veicolo la denominazione esatta dell’allestimento montato sulla vostra auto.

A tal fine siate precisi anche in merito alla serie della vostra vettura, oltre che indicare marca e modello. Vi suggeriamo di non lesinare troppo sull’acquisto e di puntare su ricambi originali o comunque garantiti. Si può anche cercare su internet l’affare giusto, o tentare la sorte nel mare magnum dell’usato, ma trattandosi di materiali usurabili, il risparmio momentaneo rischia di tradursi in un cattivo affare in prospettiva. Se la fodera è quella giusta, non sarà difficile farla calzare ai vostri sedili. Prima di utilizzarli assicuratevi che non ci siano piegature o accavallamenti.

Ultima modifica: 14 Aprile 2022