Come scoprire i velox vicini a casa

878 0
878 0

Incappare nei velox è un incubo che si realizza purtroppo molto frequentemente. Del resto ormai gli autovelox, nelle loro infinite declinazioni acchiapasoldi, sono ovunque ed evitarli è veramente un’impresa da supereroi. Qualcosa però si può fare per evitare di dover sborsare vagonate di quattrini a chi si inventa certi sistemi preoccupandosi unicamente di rimpolpare le proprie casse: i Comuni. Vediamo dunque come scoprire dove sono posizionati i velox, in particolare quelli vicini a casa.

Google Maps

Un metodo seguito ormai da tanti automobilisti è consultare Google Maps per conoscere le segnalazioni relative agli autovelox disseminati sulla strada che stiamo percorrendo o che presto imboccheremo. Un alleato utile non soltanto per prevenire le multe ma anche per avere dritte preziose su cantieri, strade chiuse, veicoli in panne, incidenti. Il sistema creato da Google è disponibile sia per smartphone Android che Apple. Il funzionamento è abbastanza semplice.

Una volta aperta la app bisogna impostare una destinazione. Di lì a qualche secondo vedremo comparire le postazioni di rilevazione della velocità presenti sul percorso del nostro itinerario. Bisogna ricordarsi di inserire sempre la destinazione perché il dispositivo la richiede come condizione imprescindibile. È possibile anche ascoltare gli avvisi vocali. L’applicazione di Google non è unidirezionale. Ovvero, oltre a ricevere le informazioni cercate, gli automobilisti possono anche fornire a loro volta segnalazioni agli altri utenti della community sulla ubicazione delle macchinette. E se l’app avesse in memoria una postazione fissa non più presente, possiamo comunicare al sistema l’eventuale disattivazione. Ma quella di Google chiaramente non è l’unica applicazione che fornisce questo servizio.

Altri modi per scoprire i velox

Citiamo ad esempio TomTom Autovelox e Navigatore, versione aggiornata di quello che all’inizio della rivoluzione digitale è stato uno dei navigatori più utilizzati. Molti conoscono poi Waze, una app Android per autovelox tra le più diffuse. Essa offre informazioni dettagliate sulle condizioni del traffico, sul percorso migliore per arrivare a destinazione e ovviamente sulla posizione degli autovelox lungo il percorso.

Questa applicazione si basa sulla condivisione costante di informazioni da parte di una gran quantità di utenti, potendo fornire così dati sempre aggiornati sulla posizione degli autovelox fissi e mobili. C’è poi Radar Bot, soluzione gratuita per Android e iOS. Un utile detective di tutte le versioni di autovelox, dai mobili ai fissi ai tutor. Più specifica per Windows Phone è Autovelox! Il database viene aggiornato ogni due settimane.

Particolarmente utile perché emette un avviso quando l’auto si sta avvicinando a una postazione autovelox, e il segnale di allarme si fa più forte nel caso in cui la velocità di percorrenza superi i limiti di legge. Molto diffusa e nota, infine, Coyote è invece un’applicazione a pagamento che concede15 giorni di prova gratuita. Funziona sia in Italia che negli altri Paesi europei e fa anche da navigatore.

Ultima modifica: 29 Aprile 2022