Come assicurare moto con targa estera: guida pratica

8267 0
8267 0

Con il decreto sicurezza sono tante le novità a cui prestare attenzione. In particolare si è cercato di porre un limite al fenomeno dei tanti furbetti che utilizzano auto con targhe straniere pur di non pagare bollo, assicurazione ed eventuali multe. Ovviamente questo non significa che non vedremo più auto o moto di altre nazioni e pertanto oggi vedremo assieme come assicurare moto con targa estera.

Importare moto immatricolata all’estero

Se siete residenti in Italia da più di due mesi, vi interesserà sapere che non potete usufruire di mezzi registrati solamente all’estero. In questo caso, quindi, dovete procedere con il trasferimento del mezzo in Italia e pertanto richiedere l’iscrizione presso il P.R.A e l’Ufficio Provinciale della Motorizzazione.

A tal fine ricordatevi di avere i seguenti documenti: attestato di proprietà, documento di vendita tradotto in italiano, certificato di residenza, fotocopia della carta di circolazione emessa dalla Motorizzazione italiana. Vi ricordiamo, inoltre, che per iscrivere la moto al P.R.A. bisogna pagare circa 100 euro. Il costo per la targa, invece, differisce a seconda della tipologia di moto.

Assicurazione moto con targa estera

In molti optano per il trucco delle targhe estere in quanto in alcuni Paesi, come ad esempio la Romania, il premio finale da pagare risulta molto più economico. Allo stesso tempo, però, in caso d’incidente si potrebbero verificare dei problemi di comunicazione e pertanto è fondamentale avere la Carta Verde e fare l’assicurazione nel nostro Paese.

Vi ricordiamo che la Carta Verde è un documento in grado di dimostrare l’adempimento dell’obbligo assicurativo. Grazie a questo documento, quindi, è possibile guidare auto e moto anche all’estero anche se presentano targa estera. In Italia, l’organo competente al rilascio della Carta Verde è l’Ufficio Nazionale di Assicurazione e viene considerato un certificato di assicurazione a livello internazionale.

La Carta Verde è valida solamente fino alla data di scadenza dell’assicurazione e pertanto quando quest’ultima scade è necessario procedere con il relativo rinnovo. Le autorità non possono controllare se effettivamente una moto estera abbia l’assicurazione, così come non possono fare multe. Allo stesso tempo è bene ricordare che in caso d’incidente, se non vi è nessuna polizza, si può rischiare di finire per non avere alcun indennizzo.  Proprio per questo motivo vi consigliamo di recarvi presso le apposite agenzie oppure visitare i relativi siti online per scoprire come assicurare moto con targa estera. In questo modo avrete la certezza di poter guidare con la massima tranquillità e sicurezza.

Ultima modifica: 16 Gennaio 2019