Le città 30: in aumento le città italiane con il limite di velocità a 30 km/h

50 0
50 0

Garantire la sicurezza dell’utente leggero sulle strade in città sta diventando un obbligo. I casi di incidenti che causano la morte di pedoni e ciclisti aumentano ogni anno. Per questo motivo, oltre ai vari sistemi di sicurezza introdotti dalle case automobilistiche, numerose iniziative sono adottate anche dalle amministrazioni cittadine. Scopriamo insieme le dinamiche dei limiti di velocità 30 km/h in città.

La situazione in Europa

L’introduzione dei limiti di velocità a 30 km/h sulle strade cittadine è frutto di una iniziativa promossa dall’Unione Europea. È stato infatti il Parlamento Europeo che il 6 ottobre 2021 ha approvato una risoluzione con la quale invita gli Stati membri a fissare limiti di velocitàpiù sicuri, 30 km/h, nei centri abitati e zone con alto flusso di pedoni, oltre a investire sui sistemi di controllo di velocità e applicare rigide sanzioni per sensibilizzare i guidatori.

Sebbene sia un tema molto dibattuto, l’introduzione dei nuovi limiti di velocità in alcune capitali europee, tra cui Bruxelles e Parigi nel 2021, si sono rivelati molto efficaci. In particolare, ciò ha favorito una maggiore attenzione dei guidatori e una riduzione dei feriti su strada.

Le “città 30” in Italia

Al momento attuale, le città italiane che hanno adottato questa misura sono poche. A partire dal 2023, però, è probabile che la situazione cambi. Ecco quali sono le città italiane che introdurranno il limite di velocità di 30 km/h:

  • Bologna: il piano “Bologna città 30” è stato approvato il 2 Novembre 2022 dal Consiglio comunale di Bologna ed entrerà in vigore a partire da giugno 2023. Si tratta di una misura che prevede l’abbassamento del limite a 30 km/h su tutte le strade cittadine, ad esclusione di quelle a scorrimento in cui si potrà circolare a 50 km/h.
  • Torino: a seguire l’esempio del capoluogo emiliano è Torino, città in cui, a partire dal 1 gennaio 2024, il limite a 30 km/h si applicherà solo sulle strade “senza diritto di precedenza”.
  • Milano: anche Milano diverrà presto una città 30. A partire dal 1 gennaio 2024, verrà abbassato il limite di velocità da 50 a 30 km/h in tutta la città ad esclusione di alcune arterie di grande scorrimento in cui sarà possibile viaggiare a 50 km/h.

In realtà, il limite di velocità a 30 km/h è stato da diverso tempo applicato da diverse città, basti pensare che la prima città italiana ad introdurre una strada con tale restrizione è stata Cesena nel 1998. Ciò che è certo è che, per aumentare la sicurezza nelle strade cittadine, a seguire l’esempio delle città 30 saranno molte città italiane, tra queste Roma.

Ultima modifica: 31 Gennaio 2023