Car Sharing, aumento degli utenti nelle grandi città

2278 0
2278 0

Il Car Sharing è una realtà che nelle grandi città, e in particolare a Milano, è cresciuto enormemente. Le compagnie sono aumentate così come si sono moltiplicate le auto a disposizione di sempre più numerosi clienti. In un contesto di tariffe che aumentano – a Milano il ticket ATM è appena salito a 2€ – il Car Sharing ha mantenuto una tariffa estremamente accessibile. Car Sharing, aumento esponenziale soprattutto nelle grandi città.

Car Sharing, aumento di compagnie e mezzi

Lo sharing è anche destinato alle biciclette, un business che alcuni anni fa è nato con ottimi presupposti e che sembrava potesse crescere in modo esponenziale nell’arco di pochissimo tempo. In questo caso tuttavia si può parlare di fase di stallo. Insomma, se proprio gli utenti devono scegliere, continuano a preferire l’auto. La differenza di costo a minuto tra auto e bici è molto minore di quanto si potrebbe pensare e soprattutto quando il traffico è ridotto, in modo particolare di sera, le Car Sharing sono letteralmente prese d’assalto anche se solo per uno spostamento di pochi chilometri.

È scesa la richiesta delle biciclette durante il giorno e il motivo è presto detto: passato il primo momento di entusiasmo e di curiosità, la bicicletta nelle nostre città più grandi resta ancora un’incognita per via delle sue condizioni e – bisogna dirlo – della pessima condizione delle piste ciclabili.

Entra in concorrenza lo sharing di minicar e scooter elettrici

Le piste ciclabili in aree di grandi dimensioni sembrano essere quasi completamente assenti: se uno poi decide di utilizzare la bici in modo marginale, o per brevi tratti perché si interfaccia anche con i mezzi pubblici, il mezzo a due ruote diventa poco funzionale.

Tuttavia dall’anno scorso sono arrivati due ulteriori concorrenti: lo sharing delle mini auto elettriche e quello degli scooter elettrici. Se le mini auto sono ancora relativamente poche, gli scooter sono stati invece presi d’assalto, soprattutto dagli utenti più giovani, in modo particolare gli universitari.

Car Sharing, aumento di richieste. Una concorrenza che ha tolto qualcosa al bike sharing in termini di sviluppo e di presenza commerciale sul territorio. Di sicuro la proposta del Car Sharing, di pari passo con la possibilità di non avere nulla a che fare con le pompe di benzina e il pagamento dei parcheggi, sta continuando a crescere in gradimento e consensi. Lo sharing di fatto, su qualsiasi mezzo, sta diventando una risposta significativa alla necessità di mobilità di città sempre più dinamiche.

Ultima modifica: 17 Settembre 2019