Auto volante: caratteristiche e costi

15218 0
15218 0

Anni fa è stata protagonista di tanti film di fantascienza ma adesso è realtà. L’auto volante sarà in commercio entro il 2017.

Quando si parla di auto volante, si vuole specificare semplicemente un tipo di vettura in grado di volare. Fin dai primi anni del ‘900 sono stati realizzati diversi progetti nell’intento di trasformare questo sogno in realtà. Tuttavia, per diverse problematiche, nessun modello di auto volante è stato mai commercializzato. Ad oggi i risultati ottenuti dalle società Terrafugia, AeroMobil, Pal-V e  Kitty Hawk, in cooperazione con Google, fanno ben sperare; al punto da annunciare, dopo una serie di test, che la macchina volante sarà sul mercato entro il 2017.

Sono diversi i modelli proposti, ognuno con design e caratteristiche tecniche differenti. Solo un elemento in comune: la macchina volante sarà destinata agli appassionati di auto di lusso, infatti, il prezzo base è 200.000 euro.

Caratteristiche

 

I progetti più concreti di auto volante sono quelli realizzati dalle quattro aziende: Terrafugia, AeroMobil, Pal-V e Kitty Hawk. Alcuni dei loro modelli dovrebbero essere messi sul mercato prima della fine del 2017, altri arriveranno non più tardi del 2018. Vediamo nel dettaglio le caratteristiche di ognuno:

  • Terrafugia

Il modello proposto dall’azienda statunitense si chiama Transition. L’auto è lunga 6 metri e, grazie alle ali ripiegabili, è in grado di completare la trasformazione da auto normale in auto volante in circa 30 secondi. La Terrafugia Transition, con le ali ripiegate, diventa larga solo 2 metri e può, quindi, trovare posto anche in garage. Può volare per più di 650 km a 185 km/h ed essere guidata anche su strada. Un altro modello proposto da Terrafugia, che potrebbe essere sul mercato nei prossimi anni, è la ibrida TF-X. A decollo verticale è un’ibrida plug-in, a un motore termico da 300 CV si affiancano due motori elettrici da 600 CV, utilizzati anche per atterraggio e decollo. La sua velocità massima dovrebbe essere di 322 km/h.

  • AeroMobil

L’azienda slovacca propone l’auto volante AeroMobil 3.0. realizzata con telaio in acciaio e carrozzeria in fibra di carbonio. È lunga 6 metri e larga 2,4 metri, ha un peso totale di 450 kg e, per prendere il volo, la vettura ha bisogno di 200 metri di rettilineo, mentre per atterrare ne servono 50. In volo arriva ad una velocità massima di 200 Km/h, su strada invece tocca i 160 Km/h e garantisce un’autonomia di 875 Km. AeroMobil 3.0, in fase di decollo, arriva a 130 km/h, ma ad alta quota scende fino a 60 km/h.

  • Pal-V

Il modello dell’azienda olandese Pal-V, si chiama Liberty. Ha tre ruote, sul retro un’elica e sul tettuccio un rotore retrattile. Liberty ha in dotazione due motori: uno da 100cv per la strada e un altro da 200 cv per il volo. Lunga circa 4 metri e larga 2, tocca la velocità massima di 160 Km/h su strada e 180 Km/h in volo. Questa macchina volante ha soltanto due posti e un peso di 660 kg a vuoto. Al decollo (peso massimo di 910 kg), si solleva arrivando a toccare 3.500 metri di quota. Chiunque voglia spiccare il volo dovrà avere attorno a sé uno spazio di uno spazio compreso tra i 100 e i 200 metri di lunghezza e 20 metri di altezza.

  • Kitty Hawk    

La società di Sebastian Thrun realizza Flyer, il mezzo finanziato dal cofondatore di Google, Larry Page. In questo caso, più che di un’auto volante, si tratta di un mega-drone in grado di consentire a chiunque di volare. Pesa 100 chilogrammi e può raggiungere la velocità di 40Km/h. Il mezzo è pensato per chi vuole sorvolare laghi o superfici marine, ma non per l’utilizzo su terra. Il motivo è semplice: Kitty Hawk vuole evitare scontri diretti con la FAA (Federal Aviation Administration), la quale è preoccupata che il proliferare di questi mezzi porti ad un sovraffollamento dei cieli da parte dei privati, sopratutto nelle zone abitate. Come detto poco fa, Flyer è solo il primo dei mezzi che verranno presentati da Kitty Hawk e ha lo scopo di indicare la direzione verso cui intenderà operare la società. L’ultraleggero Flyer è legale negli Stati Uniti, se guidato esclusivamente su specchi d’acqua ed in aree senza troppe persone intorno.

In Italia, invece, ci potrebbero essere parecchi problemi nell’avere le autorizzazione necessarie per decollare con un mezzo del genere. Nonostante il veicolo sia di facile utilizzo, si impara a controllare, infatti, in pochi minuti e, negli Stati Uniti, non richiede una licenza di volo.

Alimentazione e Consumi

 

Ognuno dei modelli precedentemente citati ha un sistema di alimentazione proprio e consumi variabili. Vediamo il tutto nel dettaglio:

  • Transition funziona a normale benzina verde. In strada, la trazione è sulle ruote posteriori, così riduce la velocità massima a circa 110 km/h. Con un litro di benzina percorre oltre 10 km (6.7 L/100 km). L’altro modello progettato da Terrafugia, la TF-X, può raggiungere un’autonomia di oltre 805 km.
  • Per Aeromobil 3.0, di casa Aeromobil, i consumi dichiarati sono di 8 litri di carburante ogni 100 chilometri. L’auto offre un’autonomia di volo di 700 Km.
  • Per il modello Liberty di Pal-v, l’autonomia in aria è di 500 km, con a bordo il solo pilota. La casa costruttrice non ha dichiarato i consumi.
  • Kitty Hawk Flyer, è un velivolo interamente elettrico.

Costi auto volante

 

I costi dell’auto volante sono certamente alti e destinati a un pubblico amante delle auto di lusso. Infatti, il prezzo di base per un modello del genere si attesta intono ai 200.000 euro. Costo dei modelli:

  • Transition ha già effettuato con successo decine di voli ed è pronta per la fase di sviluppo finale che la porterà a debuttare sul mercato. Il costo iniziale dell’auto è di quasi 280.000 dollari. Secondo la stessa compagnia, la macchina volante sarà pronta a partire dal prossimo anno.
  • Aeromobil 3.0.,presentata al “Piooner Festival” di Vienna nel 2014, potrebbe già essere in vendita dal 2017 ad un costo compreso tra i 200.000 e i 300.000 euro.
  • Liberty di Paò-V è presente con due modelli: Sport (299mila dollari) e Pioneer Edition (499mila). Quest’ultima, sarà la prima ad essere disponibile sul mercato verso la fine del 2018 con un’offerta a tiratura limitata di 90 pezzi.
  • Non è ancora stato reso noto il prezzo intero con il quale Kitty Hawk metterà sul mercato Flyer. Tuttavia gli interessati all’acquisto possono fin da subito entrare a far parte di una lista d’attesa con un esborso economico fissato in 100 dollari. L’acconto darà inoltre accesso a uno sconto di 2.000 dollari sul prezzo finale e ad eventi esclusivi, nonché all’utilizzo di un simulatore.

Ultima modifica: 25 Luglio 2017