Assicurazione auto stagionale, come scegliere quella adatta

2193 0
2193 0

L’assicurazione dell’auto è un’importante voce di costo del bilancio familiare. Per via dei furti e per via dei tanti furbetti che provano a non pagare l’assicurazione, le compagnie assicurative si sono attrezzate affinché i premi delle polizze aumentassero. Per questo molti optano per un’assicurazione auto stagionale.

Naturalmente non si può e non si deve generalizzare, perché non tutte le assicurazioni costano uno sproposito. Va detto, poi, che normalmente il premio è commisurato all’età dell’auto, all’esperienza di chi la guida, alle performance degli anni precedenti. È noto, infatti, che chi non è la causa degli incidenti viene premiato dalla compagnia di assicurazione salendo di classe di merito. Più si sale, lo ricordiamo ai meno esperti, più si risparmia.

Assicurazione auto stagionale, oggetto della polizza

Un aspetto da sottolineare quando si affronta il complicato tema delle polizze assicurative riguarda l’oggetto della polizza. In pratica, ricordiamolo ancora una volta, è obbligatorio assicurare e sottoscrivere solo la pratica RCA. Per tutti il resto – vetri, furto, incendio, ecc. – si ha la facoltà di decidere. Chi pensa che la propria auto possa essere particolarmente soggetta a furto, farà senza dubbio bene a sottoscrivere una polizza contro il furto, oppure contro gli atti vandalici. Così come, per chi per esempio non ricovera la propria auto in un box o garage coperto, può essere una buona idea prediligere la sottoscrizione di polizze che comprendano gli incendi, la rottura dei cristalli.

Per i più esigenti ci sono anche le polizze che coprono tutto, ma proprio tutto: il riferimento è alla famosa kasco – nel tempo ne sono uscite anche di più light, ma comunque complete – che copre tutti i tipi di danno. Fatta questa doverosa premessa, andiamo al sodo: ha senso sottoscrivere polizze stagionali, ossia polizze che coprono l’auto solo in un determinato periodo dell’anno?

Vediamo nel dettaglio come fare a scegliere l’assicurazione auto stagionale adatta alle proprie esigenze.

Assicurazione auto stagionale: non solo casi isolati 

Di primo acchito, viene da chiedersi: ma chi sottoscrive una polizza auto solo per un certo periodo di tempo? Che senso ha, diranno in molti?

In realtà, il senso c’è e la pratica è più diffusa di quanto si possa pensare. Sì, perché l’esigenza di sottoscrivere una polizza auto di pochi mesi è molto diffusa. Qualche esempio: si posseggono più auto, una di queste è una cabrio, dunque una auto che ha senso soprattutto quando la stagione è bella, perché solo con il sole e con il caldo si può viaggiare con il tetto aperto.

Bene, per questa tipologia di utenti, la polizza semestrale – da attivare quindi solo nella stagione primaverile ed estiva – è sicuramente un’ottima soluzione. Naturalmente – e ciò vale per chiunque sottoscriva una polizza stagionale – l’auto non va assolutamente utilizzata, se non nel giardino di casa.

Ma sono altri gli esempi che rendono utile la sottoscrizione di una polizza stagionale. Per esempio quando si ha una seconda casa e si decide di lasciare un’auto “di servizio” direttamente in loco, al mare, in montagna, al lago. Sono in molti a farlo e anche per questa tipologia di utente l’assicurazione semestrale si rivela essere una soluzione efficace e, anche, economica.

Capitolo due ruote

Vi è poi un’altra tipologia di utente della strada a essere potenzialmente interessato alle polizze della durata breve. È il motociclista, soprattutto quello non particolarmente incallito, che prende la moto anche quando nevica o diluvia. Anche le due ruote quindi – a patto che rimangano ricoverate nei box quando sono scoperte dall’assicurazione – possono beneficiare delle polizze brevi.

Costano meno, sono attive quando serve e sono efficaci esattamente tanto quanto una polizza annuale. Fatte queste specifiche, e individuati gli utenti tipo di questa tipologia di assicurazione, vediamo di rispondere a un’altra domanda che interessa urbi et orbi: come si fa a scegliere la polizza più conveniente?

Assicurazione auto stagionale, come sceglierla?

Chi necessita di queste polizze – chiamiamole per intenderci “brevi” – potrebbe cadere in una sacrosanta tentazione: quella di risparmiare il più possibile. Il che, naturalmente, è più che plausibile: come si diceva in apertura, infatti, le polizze assicurative sono sempre più costose e dunque incidono molto sul bilancio familiare.

Ma è pur vero che è sempre un evergreen il detto “chi più spende meno spande”. In pratica, prima di sottoscrivere una polizza stagionale solo in base al prezzo, è cosa buona e giusta capire esattamente che cosa contiene la polizza e, anche, altri aspetti. Per esempio, nell’era dei call center, è sempre più frequente trovare compagnie assicurative che non rispondono direttamente, che non identificano uno specifico consulente per singolo cliente. In caso di necessità, poter parlare sempre con la stessa persona non è un aspetto da sottovalutare.

Confrontare le opzioni disponibili

Insomma, come spesso accade non esiste la polizza perfetta, nemmeno quando è stagionale. Le discriminanti da prendere in considerazione sono più di una per fare una scelta, il consiglio è poi di comparare le singole offerte, senza fermarsi solo al prezzo, ma anche alla completezza dell’offerta, alla reperibilità dei consulenti, alla durata e, anche alla reputazione della compagnia di assicurazione.

Soprattutto quando si prende in considerazione di sottoscrivere una polizza con una compagnia non particolarmente nota sul mercato, meglio fare qualche indagine. Per esempio si può provare a cercare una risposta tra gli utenti del web, considerando però sempre che sul web può scrivere chiunque, dunque occorre un’attenta analisi critica per capire se un dato commento è attendibile oppure no.

Nel caso, poi, si fosse sottoscritta una polizza per l’anno in corso, ma ci si renda conto che non è quella corretta, inutile procrastinare: in prossimità della cadenza, meglio eliminarla e cercare altrove. La discriminante – ripetiamolo ancora una volta – non deve essere solo il prezzo.

Ultima modifica: 2 Ottobre 2019