5 motivi per acquistare un’auto ibrida

1061 0
1061 0

Già da diversi anni è noto che l’interesse per le auto a minor impatto ambientale è cresciuto di una cospicua percentuale rispetto all’anno precedente con un rapporto quindi 12:1 per le auto ibride rispetto alle elettriche. Le auto ibride infatti sono più versatili e “gestibili” perché hanno la doppia motorizzazione: elettrica e a carburante, per cui anche di fronte all’evidente difficoltà di effettuare una ricarica elettrica, vi è la possibilità di proseguire a viaggiare usufruendo del propulsore a combustione. Vediamo però di seguito come mai, per gli italiani, le auto più desiderate sono proprio le ibride.

Si possono sicuramente annoverare fra le ragioni di simile preferenza almeno 5 validi motivi per cui una macchina ibrida è considerata più indicata di una vettura tradizionale per la circolazione. Questi motivi vanno dalla possibilità di circolare evitando i fastidiosi blocchi stradali ambientali (disposti nell’ultimo periodo da molte amministrazioni locali per evitare la sovraproduzione di emissioni nocive ed inquinanti) agli incentivi statali e infine al rispetto dell’ambiente.

1. Le auto ibride circolano senza limiti in città 

Come è noto, per molti automobilisti italiani, lo scorso 2020 è stato caratterizzato da notevoli inconvenienti dovuti ai blocchi stradali disposti dalle amministrazioni territoriali locali in numerose città italiane da nord a sud del paese. I blocchi della circolazione si sono resi necessari per combattere l’alta percentuale di inquinamento e hanno coinvolto diversi tipi di motorizzazioni: auto diesel, a benzina e, in un periodo di particolare emergenza, si è parlato anche di compromettere le nuovissime Euro 6.

In questo scenario, le uniche auto che sono state esonerate dai blocchi stradali risultano quelle a gas, elettriche e ibride. Ed invero dalle varie disposizioni, risulterebbe che le auto ibride possono circolare sempre, e sicuramente in diversi comuni italiani. Ne discende che possono sicuramente entrare nelle Ztl (zone a traffico limitato) e che possono parcheggiare in alcune zone apposite o sulle strisce blu gratuitamente.

Queste soluzioni vantaggiose e alternative in condizioni di blocco ambientale del traffico, appaiono perfette per tutti coloro che svolgono un lavoro o hanno attività quotidiane che non gli consentono di fermarsi o di fare affidamento sui mezzi pubblici. In tutti questi casi, passare ad un’auto ibrida è sicuramente una validissima soluzione!

2. Ecoincentivi per le auto ibride

È necessario informarsi sulla attuale disponibilità dei fondi stanziati a titolo di ecobonus per l’acquisto delle auto ibride per questo 2021. Vediamo però di seguito in cosa consistono per capire meglio che rappresentano sicuramente un valido motivo per scegliere di comprare un’auto ibrida con o senza rottamazione. I nuovi incentivi rottamazione auto 2021 sono in vigore per tutto l’anno ovviamente ma con una distinzione a seconda dell’alimentazione dell’auto.

Vediamo le date in cui i bonus si possono richiedere:

  • Le ibride ed elettriche sotto i 60 g/Km di Co2 godono dell’incentivo fino al 31 dicembre 2021;
  • Le vetture tra 61 e 135 g/Km, quindi anche ibride non ricaricabili, diesel, gas e benzina potranno accedere agli incentivi dal primo gennaio al 30 giugno.

C’è una differenza rispetto agli incentivi auto 2020: il limite massimo sale da 110 a 135 g/Km di Co2. Tale modifica è dovuta alla presenza sulla carta di circolazione dei dati espressi secondo il nuovo ciclo omologativo WLTP che è più rigido rispetto all’NEDC. Per quanto riguarda gli incentivi auto elettriche ed ibride plug-in, la normativa in vigore concede anche per il 2021 il contributo statale per l’acquisto di autoveicoli nuovi (cat. M1) con emissioni fino a 60 g/Km di Co2 (quindi elettriche e ibride plug-in, ricaricabili), sia con che senza rottamazione di un altro veicolo.

L’importo del contributo è di 2.000 euro nel caso di rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad euro 6 e che sia stato immatricolato prima del 1° gennaio 2011, e di 1.000 euro in mancanza di rottamazione, in entrambe i casi, il venditore deve concedere uno sconto equivalente al contributo statale. Esiste anche la possibilità di acquisto con locazione finanziaria col limite di prezzo del veicolo di 50.000 euro.

Tale contributo è cumulabile, analogamente a quanto previsto nel 2020, con il c.d. ecobonus per l’acquisto di veicoli elettrici ed ibridi previsto dal comma 1031 della legge di bilancio 2019 per gli anni 2020 e 2021. Si tratta di agevolazioni imperdibili.

3. Assicurazione Rc auto e bollo scontati

Un altro buon motivo per acquistare auto ibride è che queste, insieme alle macchine elettriche, godono di importanti sconti e agevolazioni sul pagamento del bollo rispetto ai costi delle auto termiche. Tutte le tipologie di auto ibride usufruiscono di questo sconto, dalle mild hybrid alle plug-in hybrid ma tali agevolazioni variano da regione a regione ad esempio si può evitare di pagare il bollo da 3 fino a 6 anni dall’acquisto in Puglia, Lazio, Liguria, Marche, Valle D’Aosta e VenetoAssicurare un’auto ibrida, invece, può costare anche il 10% in meno di un’auto a benzina o diesel.

4. Elevate prestazioni per bassi consumi

È noto ormai a tutti che i motori elettrici consumino molto meno di un auto termica. In particolare, nei centri urbani o nei tratti a lenta percorrenza, l’auto ibrida utilizza quasi esclusivamente il motore elettrico, assicurando un consumo medio molto basso e permettendo di risparmiare e ammortizzare il prezzo per il suo acquisto.

5. Minore impatto sull’ambiente

L’attenzione per l’ambiente è diventata una consapevolezza di ognuno per il bene di tutti. Chi desidera un’auto, la vuole rispettosa dell’ambiente e, secondo lo sviluppo tecnologico, il futuro è la mobilità sostenibile. Le auto ibride sono a emissioni zero e se ci si preoccupa dell’impatto ambientale delle batterie, c’è da dire che molte case automobilistiche garantiscono la batteria 10 anni e che le batterie delle auto ibride sono di dimensioni minori rispetto a quelle elettriche, nonché molto spesso completamente riciclabili.

Si tratta inoltre di batterie che si ricaricano da sole durante la guida recuperando i “consumi” di energia dell’auto. A chi sta valutando l’acquisto o il noleggio di un’auto ibrida come libero professionista o per la tua flotta aziendale, è utile comparare i prezzi e fare delle valutazioni sui siti dei vari rivenditori.

Ultima modifica: 30 aprile 2021