La prima gara di auto a guida autonoma finisce con uno schianto

2622 0
2622 0

Forse ci siamo. O forse no? La prima corsa fra monoposto senza pilota ha finalmente avuto luogo lo scorso 18 febbraio a Buenos Aires, in apertura del Gran Premio argentino di Formula E. Una gara dimostrativa fra due vetture autonome chiamate DevBot 1 e DevBot 2. Purtroppo, però, gli entusiasmi si sono spenti con uno schianto.

Una delle due auto, infatti, ha affrontato una curva calcolando male la traiettoria, forse ingannata dalla natura intricata e del circuito cittadino della capitale argentina. Il risultato è stato un inevitabile contatto con le barriere di protezione, che ha causato un serio danneggiamento alla vettura e la fine della sua corsa, consegnando di fatto la vittoria alla concorrente.

Prima dell’incidente i due veicoli sembrava se la stessero cavando bene, viaggiando lungo il percorso senza problemi, a una velocità di circa 185 km/h: certo, non proprio un dato da Formula 1, ma comunque notevole per dei mezzi a guida autonoma.

Nonostante il risultato, la breve corsa di Buenos Aires rappresenta una prova tutto sommato positiva. Si tratta di un primo test sia dimostrativo sia tecnico: l’intento, infatti, è quello di mettere a punto e ottimizzare veicoli e sistemi per arrivare finalmente al debutto ufficiale del Roborace, il campionato ufficiale dedicato alle vetture elettriche a guida autonoma.

Ultima modifica: 3 Marzo 2017