Porsche Macan, la terza generazione punta alla sportività

888 0
888 0

Modello della ennesima svolta,  Macan ha fatto diventare porschisti molti italiani. Il Suv medio di Zuffenhausen, concentrato di sportività a ruote alte si aggiorna con la terza serie.

La nuova generazione si presenta più affilata. Non cambiano le dimensioni, è lunga 4,73 metri: presenta tre colori nuovi e inserti neri anteriori e posteriori che la rendono più aggressiva e dinamica.


Aggiornamento  importanti in abitacolo, con il tunnel centrale che non ha più comandi fisici, è tutto a tocco e sfioramento.

Al centro della plancia lo schermo da 10,9 pollici e la strumentazione a tre elementi circolari. Due analogici, tachimetro e contagiri, e uno digitale personalizzabile, in modo rapido.


Molti dettagli sono votati alla  dinamicità. Come la leva del cambio più corta. Su tutte le versioni è di serie il PDK, automatico a doppia frizione a sette marce, molto rapido.

Il V6 da 400 cavalli della GTS

Potenziata la gamma dei motori di Macan

Tutti benzina e turbo, beneficiano di una ottimizzazione per un rendimento più rotondo e aggressivo. Ci sono il 2 litri, di Macan base, un 4 cilindri da 265 cv (da 245 precedenti), poi Macan S, con il suo V6 bi-turbo di 2.9 litri che sale 380 cv (+26) e al la GTS, la versione più sportiva con assetto ribassato, che dallo stesso propulsore spreme 440 cv (+60). La forbice dei prezzi varia dai 69.950 euro per la 2.0 ai 96.316 per la GTS.

La trazione integrale in condizioni normali predilige ripartizione della coppia superiore al posteriore, circa l’80% per garantire sensazioni e resa da guida sportiva. Sulle strade della Valle d’Aosta alle pendici del Monte Bianco, Macan ha esibito un comportamento da vera GT a ruote alte. Confortevole, ma molto dinamica. Dal 2023 sarà anche al 100% elettrica. L’inizio della rivoluzione.

Ultima modifica: 31 Marzo 2022