MG4, la prova. L’elettrica cinese fa sul serio: prezzo e autonomia | VIDEO

4694 0
4694 0

Quanto valgono le auto cinesi? MG4 Electric è la risposta più sonante, al momento. Una elettrica per tutti. Di qualità, comportamento dinamico e prezzo accessibile. 

Tutto vero? Il Marchio di nobilissime ordini inglesi, MG sta per Morris Garage, prossimo centenario della fondazione, dal 2007 fa parte di Saic gigante dell’auto della Cina che produce 7,5 milioni di mezzi l’anno.

MG ha grandi ambizioni, per il 2023 punta ad arrivare all’1,5% di quota nel mercato italiano. MG4 non è solo la portabandiera è chiamata a fare i numeri. Si tratta di una compatta a 5 porte lunga 4,29 metri, come la Volkswagen Golf o la ID.3 elettrica.

Con un prezzo, per la versione Standard al netto di Ecobonus, sconti e col finanziamento, che può scendere da 29.990 a 22.990 euro.

La batteria: solo 110 millimetri di spessore

Un listino molto interessante per un’auto elettrica con batteria da 51 kWh, potenza di 170 cavalli, con 250 Nm di coppia e una autonomia di 350 km.

Ci sono poi le versioni Comfort e Luxury, con batteria più grande, da 64 kWh per 450 km di autonomia, potenza di 204 cavalli (0-100 km/h in 7,9 secondi) con prezzo da 33.990 e 35.990 euro. E più avanti arriverà una versione da 77 kWh, 500 km di autonomia e 400 cavalli di potenza.

Oltre ai numeri c’è la tecnologia di una batteria molto sottile, 11 centimetri. Che permette di avere il baricentro ancora più basso per una migliore tenuta e avere più spazio all’interno.

Quattro passeggeri, anche di taglia notevole, si accomodano benissimo, più sacrificata per cinque. Oltre a contenere il peso a 1.685 kg, non molto per una full Electric. Il bagagliaio ha una capacità “solo” normale, da 361 litri.

La dotazione, con sistemi di assistenza alla guida di secondo livello (a partire da MG4 Comfort), la nuova piattaforma MSP, l’abitacolo sobrio, con strumentazione e plancia digitali, completano un quadro virtuoso. 

Molto bello il volante a due razze, pratica la console centrale sporgente a mezza altezza con la rotella per le modalità di guida (Snow, Eco, Standard, Sport e Individual) e un ampio spazio per la ricarica wireless dello smartphone.

L’assemblaggio è preciso, le plastiche per la maggior parte non sono morbide, caratteristica anche di molte auto elettriche.

Non faremo dormire sonni tranquilli ai nostri concorrenti

Questo il proclama del Marchio. MG4 conferma l’antifona. Nel primo contatto su strada ha esibito un comportamento dinamico di buon livello. 

A suo agio anche sul misto, seppur con una taratura votata al comfort, di marcia, anche quando il fondo non è perfetto, e acustico, con un ottimo isolamento.

Sospensioni e sterzo lavorano bene, con precisione: sembra un’auto d’impostazione europea.

Solo a velocità di codice autostradale si manifesta qualche fruscio aerodinamico. La perfezione non è di questo mondo… ma lo scenario è di livello. La cinese fa sul serio.

MG4 electric, la galleria fotografica

Ultima modifica: 26 Ottobre 2022

In questo articolo