Citroen Ami, successo internazionale della elettrica che si guida senza patente

574 0
574 0

Citroen AMI, due anni di successo per la microcar elettrica che si guida senza patente. Sin dal lancio in aprile 2020, la Casa ha sorpreso nel mercato della micromobilità con quest’oggetto pensato per essere accessibile, per il suo percorso di acquisto online come qualsiasi altro bene di consumo e la sua distribuzione allargata (ad esempio attraverso le reti Fnac e Darty in Francia).

Oggetto popolare, fonte di ispirazione per intere community, è stato al centro di molti eventi come la Design Week a Milano e i Giochi Internazionali della Gioventù che si sono svolti a Bruxelles. Già commercializzato in nove Paesi europei, da giugno Citroën Ami è disponibile nel Regno Unito e in Turchia. Adottato da clienti privati, professionisti e grandi gruppi industriali e di servizi, con oltre 23.000 ordini al suo attivo, tra cui l’esclusivo My Ami Buggy, il successo di Citroën non conosce frontiere.

Sin dal lancio, in aprile 2020, sono stati registrati in Europa più di  22.400 ordini, a cui si aggiungono quelli del Marocco e della Turchia, per un totale di oltre 23.000 unità.

La Francia è il mercato più importante con oltre 13.300 ordini, di cui l’83% dai privati e il 17% da clienti business. Ami è il numero uno nel mercato dei quadricicli elettrici e il numero due nel mercato mondiale, considerando tutte le energie, con una quota di mercato del 26% alla fine di maggio. Tra maggio 2021 e maggio 2022, il mercato dei quadricicli è cresciuto del 9,7%, grazie all’arrivo di Ami. Le immatricolazioni sono aumentate del 47% in un anno.

In Italia, Ami riscuote un vero successo. Il secondo Paese in cui è stato distribuito è anche il secondo mercato dopo la Francia, con oltre 6.700 ordini. Nel primo quadrimestre del 2022, Ami è leader nel mercato dei quadricicli con il 31% delle immatricolazioni e una quota di mercato che supera il 65% considerando solo i quadricicli elettrici. Ami ha conquistato un gran numero di privati, che rappresentano il 94% degli acquirenti.

La Spagna e il Belgio sono testa a testa con 780 e 724 ordini rispettivamente. Nel mercato spagnolo il 75% dei clienti sono privati, mentre il mercato belga conta il 42% dei clienti  business e Ami è già leader nel segmento dei quadricicli a fine maggio 2022.

Nel mercato portoghese, Ami si vende sia ai privati che alle aziende e ad oggi annovera 476 ordini. È il quadriciclo numero uno con una quota di mercato del 35% alla fine di maggio.

Ami si accinge a conquistare il Regno Unito. Il lancio nel Regno Unito ha una storia particolare. Nonostante il veicolo sia predisposto per la guida a sinistra, l’interesse del pubblico è stato tale che si è cercato di offrire subito Ami ai clienti britannici. Quando il 24 maggio è stato annunciato il prezzo di Ami, sono stati registrati 2.000 preordini, il che lascia presagire una commercializzazione molto promettente. Le versioni britanniche di Ami mantengono il volante a sinistra. Ciò presenta diversi vantaggi: non aumenta il costo di Ami, inevitabile in caso di conversione industriale per la guida a destra, e consente al conducente di scendere dal veicolo in sicurezza dal lato del marciapiede quando è parcheggiato.

In Turchia, gli ordini sono stati aperti ai professionisti nel settembre 2021. Sul sito di vendita online sono stati registrati circa 400 ordini. Sul mercato turco, Ami è l’offerta più conveniente ed è particolarmente apprezzato per il suo aspetto protettivo rispetto alle numerose offerte su due ruote presenti sulle strade. Il 20 giugno, i privati hanno potuto accedere alla vendita online di 50 Ami che, con nostra grande sorpresa, sono stati esauriti in soli 25 minuti, a dimostrazione del forte interesse per il piccolo quadriciclo la cui presenza in Turchia è destinata ad aumentare nei prossimi mesi! I primi veicoli saranno consegnati in agosto.

I 641 ordini provenienti dal Marocco e dalla Turchia sono stati effettuati esclusivamente da clienti business perché Ami è stato commercializzato soprattutto agli imprenditori che hanno trovato in questo oggetto di mobilità un mezzo economico, agile e sicuro per i loro servizi locali.

Ami si rivolge alle aziende per completare la loro flotta, contribuisce a ridurre la loro impronta di carbonio e offre il vantaggio di un costo di possesso molto basso.

È particolarmente adatto alle aziende le cui attività richiedono spostamenti urbani quotidiani brevi e frequenti, aziende che, al pari dei privati, sono soggette a vincoli di traffico nelle città. Commercianti, professionisti, artigiani, enti locali, società di servizi e siti industriali che devono effettuare consegne o fornire servizi troveranno in Ami o in Ami Cargo il partner ideale, perché è pratico e agile, per portare avanti e far crescere la loro attività.

Alcune aziende vedono il lato pragmatico e decorano la loro Ami con i colori del loro Brand, usandoli come mezzo di comunicazione. È il caso, in Francia, delle Ami Cargo di Darty Royan che, grazie alla loro zona di carico di oltre 400 litri situata al posto del sedile del passeggero, può consegnare piccoli elettrodomestici ai suoi clienti e far conoscere il proprio Brand durante i viaggi in città e in periferia. Grazie al sistema « Custom My Ami »  sviluppato da Citroën con il partner Faab Fabricauto, è possibile creare una decorazione personalizzata basata su un’immagine o un logo.

Ami sta riscuotendo successo anche in Spagna. Dopo aver consegnato un esemplare a Parc Warner, Citroën ha appena consegnato nove unità allo stabilimento Arcelor-Mittal di Sagunto. Impegnato nello sviluppo sostenibile, il gruppo siderurgico ha scelto Ami, che ha zero emissioni di CO2, per effettuare i percorsi tra i vari magazzini del suo stabilimento.

In Belgio, lo scorso febbraio sono stati immatricolati 15 veicoli Ami con i colori di Ekoservices. Quest’azienda, che è il principale operatore di servizi locali in Vallonia e a Bruxelles, è costantemente impegnata a sostenere i propri dipendenti. Lo dimostra l’investimento nello sviluppo di case modello dedicate alla formazione per la professione di assistente domiciliare. È stato quindi naturale per il gruppo rispondere a un’altra esigenza: i problemi di mobilità incontrati dai suoi dipendenti. Le 15 Ami sono state così messe a loro disposizione per i tragitti casa-lavoro.

Il  13 aprile, 50 Ami sono stati consegnati ad ADS Carsoft, specialista della diagnostica automobilistica.  Questa scelta è stata guidata dagli aspetti pratici, economici ed ecologici del quadriciclo, che sarà utilizzato per il car-sharing dai dipendenti all’interno degli stabilimenti del gruppo e nelle città in cui operano.

In Portogallo, 160 My Ami Cargo sono entrati a far parte della flotta del gruppo di distribuzione postale CTT. « My AMI Cargo ha lo spazio di carico adatto alla nostra attività, basata su brevi spostamenti. La sua autonomia è sufficiente e la sua velocità è perfetta per muoversi nel traffico dei centri urbani. Le sue dimensioni ultracompatte facilitano l’accesso alle strade portoghesi particolarmente strette, consentendo ai postini di spostarsi e parcheggiare senza difficoltà», dichiara Joao Bento, CEO di CTT.

Un’idea a dir poco originale. È stato firmato un accordo di collaborazione con Habitat Invest, in vista di un portafoglio ordini potenziale di oltre 400 Ami nell’ambito della promozione di un programma immobiliare a Lourès, che prevede per la firma di ogni contratto di vendita, una casa e un Ami a beneficio del firmatario. « Fin dall’inizio del progetto, il nostro obiettivo era quello di offrire un prodotto diverso per il programma Aurya, che integrasse l’aspetto ambientale e sostenibile e fornisse un servizio utile ai nostri clienti. Ami si adatta perfettamente alla nostra visione iniziale perché rappresenta una soluzione di mobilità urbana che permetterà ai nostri futuri residenti di usufruire di un veicolo adatto per i loro brevi spostamenti quotidiani », ha dichiarato Luis Corrêa de Barros, Fondatore e CEO di Habitat Invest.

Portway, una società di movimentazione a terra di merci  destinate al trasporto aereo che opera negli aeroporti portoghesi, ha acquistato 11 My Ami Cargo e 2 Ami. Questi quadricicli sono dotati di un pannello solare che genera elettricità per alimentare una presa interna e collegare un PDA, una stampante e un lampeggiante. Questa flotta di Ami è attualmente in servizio all’aeroporto di Lisbona e presto raggiungerà gli aeroporti di Porto, Faro e Funchal. Secondo Helena Franca, CEO di Portway, « Ami si adatta molto bene alle attività di Portway, soprattutto per la guida sulle piccole strade adiacenti agli aeroporti, in cui la velocità è limitata. Le sue dimensioni compatte lo rendono molto agile sulle piste, il che è fondamentale per le nostre attività. »

In Marocco, in seguito a un accordo concluso nel 2020, con il sostegno del Ministero dell’Industria e del Commercio, tra Barid Al Maghrib – il servizio postale del Marocco – e Stellantis, è stata sviluppata appositamente una versione di Ami per modernizzare ed espandere la rete di consegna della posta e dei pacchi. Dal 14 giugno scorso, 225 postini marocchini hanno sostituito i loro motorini per una maggiore sicurezza e si sono messi alla guida di Ami in 42 città. Le Poste del Marocco dispongono ora della più grande flotta elettrica del Regno e anche della più grande flotta di Ami al mondo. Con questa iniziativa, l’azienda vuole essere un pioniere della mobilità ecologica a favore dell’ambiente.

In Grecia, Ami percorre le strade di Chalki, un’isola greca all’avanguardia della transizione energetica, che ha scelto di dotarsi di veicoli a zero emissioni. Citroën ha fornito alle autorità pubbliche una flotta di sei veicoli elettrici, tra cui due Ami, utilizzati rispettivamente dalla polizia e dalla guardia costiera per la sorveglianza e la prevenzione. Gli abitanti dell’isola avranno anche l’opportunità di acquistare veicoli elettrici a prezzi accessibili.

Seguendo lo stesso principio, di recente Citroën ha consegnato 9 veicoli elettrificati, tra cui 7 Ami, alle autorità dell’isola della Maddalena, per promuovere la mobilità sostenibile. Sono state fornite anche due WallBox per la ricarica di questi veicoli e inoltre sono previsti vantaggi specifici per gli abitanti che desiderano acquistare veicoli elettrificati Citroën.

Il successo di Ami è stato alimentato da incontri gratificanti con altri mondi intorno a valori comuni, che hanno generato collaborazioni, eventi e premi.

Sui social network sono state create delle community di scambio in cui ognuno condivide idee di personalizzazione, foto o avventure con la propria Ami. L’esempio migliore è la community  « My Ami Superfan », 112 clienti-ambasciatori (65 in Francia e 47 in Italia) che promuovono Ami, danno consigli e propongono una prova del veicolo alle persone interessate.

Ami ha anche dato vita a nuove collaborazioni. La partnership sviluppata con le reti Fnac e Darty ha permesso a Citroën di diversificare la distribuzione e di raggiungere i futuri clienti che frequentano abitualmente questo tipo di negozi, in particolare i giovani – i minori di 18 anni che rappresentano il 42% degli utenti di Ami.

All’inaugurazione de « La Maison Citroën » a Milano il 19 maggio, una prima assoluta in Italia, Ami è stata la protagonista come oggetto di mobilità innovativo sotto tutti i punti di vista: dal suo percorso interamente digitale alla sua progettazione adatta alle esigenze di micromobilità di oggi e di domani. I clienti hanno anche la possibilità di provare Ami. « La Maison Citroën », caratterizzata da un ambiente accogliente e confortevole che offre un concentrato di esperienze, si trova all’interno dello store Coin, il tempio dello shopping cittadino, in uno dei « Lifestyle Hub »  creati per offrire ai clienti un nuovo modo di fare acquisti, basato sulla sperimentazione di prodotti o servizi legati a nuove modalità di consumo. All’interno, i clienti sono immersi nell’universo Citroën e, con l’aiuto di un consulente, possono scoprire la Marca o il modello da loro scelto, configurarlo, selezionare l’offerta che fa per loro e acquistare online.

Un incontro con Ami è bastato per ispirare lo stilista milanese Massimo Alba, che ha creato una versione di Ami fedele all’universo creativo delle sue collezioni di abbigliamento, fatto di poesia e di un lusso invisibile senza tempo… Per la prima volta, ha esteso il proprio stile al mondo della mobilità, reinterpretando la carrozzeria di Ami come un « monolite »  scultoreo uniforme, in una tinta nero matt, per enfatizzarne i volumi geometrici e conferirgli un carattere urbano. Un altro progetto creativo è nato dall’incontro tra Citroën Ami e il mondo del design, rappresentato da Rossana Orlandi, celebre  gallerista di collectible design. In occasione della Milano Design Week, nell’ambito del progetto “Les Ami de Ro”, Rossana Orlandi ha coinvolto cinque designer che hanno trasformato altrettante Ami in vere e proprie opere d’arte, esposte fino al 12 giugno al Ro District presso Galleria Rossana Orlandi. 

L’originalità del quadriciclo elettrico

Il suo design compatto, simmetrico e intelligente che suggerisce immediatamente facilità d’uso e praticità, hanno convinto Rossana Orlandi a diventarne ambasciatrice. Chiama affettuosamente il suo veicolo « mon Ami ». Le cinque Ami personalizzate “Les Ami de  Ro” hanno un design che riflette lo stile e la filosofia di ciascuna designer. Ad esempio, l’Ami di Yukiko Nagai, artista originaria del Giappone, presenta un’elegante decorazione floreale sulla carrozzeria con effetto mosaico, caratteristica del suo approccio artistico e che richiama il rispetto dell’ambiente a cui il veicolo elettrico contribuisce.

Recentemente, Citroën Ami è stato presente a Bruxelles durante i Giochi Internazionali della Gioventù che si sono svolti dal 30 maggio al 4 giugno. Ami era a suo agio con i 400 partecipanti di 16 e 17 anni provenienti da 33 Paesi che ogni anno celebrano i valori che Citroën condivide con loro attraverso Ami: eccellenza, rispetto, amicizia, solidarietà e tolleranza. Damien Martin-Cocher, Direttore della marca Citroën in Belgio-Lussemburgo, spiega: « Con Ami, Citroën offre una risposta alle sfide della mobilità urbana, che sono più che mai al centro delle preoccupazioni e delle aspettative degli abitanti delle città. Ami è una soluzione di mobilità individuale che consente alle persone di spostarsi in sicurezza in un veicolo elettrico chiuso, accessibile a partire dai 16 anni in Belgio. È particolarmente apprezzato dalla generazione TikTok, che ha reso Ami un vero e proprio fenomeno di cultura pop. »

Ultima modifica: 12 luglio 2022

In questo articolo