Parcheggi che contrastano il cambiamento climatico: il progetto del Comune di Torino

558 0
558 0

Il cambiamento climatico rappresenta una delle principali sfide dell’era moderna e richiede un’azione immediata da parte di tutti. In questo contesto, i parcheggi che combattono il cambiamento climatico stanno diventando sempre più popolari e rappresentano una soluzione concreta per ridurre le emissioni e contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico.

I parcheggi che combattono il cambiamento climatico utilizzano tecnologie e strategie innovative per ridurre al minimo l’impatto ambientale del parcheggio e promuovere comportamenti sostenibili dei cittadini. Soluzioni innovative stanno diventando sempre più popolari in tutto il mondo, compresa l’Italia: il Comune di Torino è infatti pronto a rinnovare alcune delle aree di sosta della città, rendendole “green”.

Zone di sosta verdi per ridurre l’impatto ambientale

“Programma sperimentale di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano”, è questo il nome del progetto presentato dall’amministrazione del capoluogo piemontese, che si propone di ridurre l’impatto ambientale delle aree parcheggio e renderle più resistenti agli eventi climatici estremi.

Il Comune di Torino ha infatti ottenuto finanziamenti superiori ai 2 milioni di euro per riadattare sette grandi parcheggi urbani al fine di contrastare il cambiamento climatico. Le zone di sosta verdi di Torino saranno finanziate dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), e nascono con l’obiettivo di aiutare il capoluogo piemontese a contrastare il cambiamento climatico e mitigarne gli effettiMiglior adattamento agli eventi atmosferici estremi

Miglior adattamento agli eventi atmosferici estremi

I “normali” parcheggi saranno quindi trasformati in parcheggi verdi, capaci di adattarsi in maniera migliore agli eventi atmosferici estremi, ormai sempre più frequenti in Italia. Saranno realizzate opere per la regimentazione delle acque piovane, evitando così disagi causati dalle “bombe d’acqua”, un fenomeno atmosferico sempre più frequente in Italia. Verranno anche realizzare aree verdi urbane, le quali andranno a comporre barriere alberate ombreggianti, che insieme ad ulteriori opere contrasteranno la formazione delle cosiddette “isole di calore”.

Inoltre, saranno organizzate giornate formative con il fine di fornire informazioni costanti ai cittadini su eventuali eventi atmosferici catastrofici. Un motivo di orgoglio per la città di Torino, come confermano le parole dell’assessora alla Transizione ecologica e digitale e alle Politiche per l’ambiente, Chiara Foglietta: «Oggi è stato fatto un altro passo verso la Torino del futuro, un altro tassello fondamentale che va ad aggiungersi ai tanti già realizzati e progettati punta a fare di Torino un esempio di realtà urbana vivibile e resiliente».

Le aree di Torino interessate

Gli interventi riguarderanno un totale di 25.000 metri quadrati, suddivisi in sei diverse aree di sosta in varie zone della città. Il piano finanziato dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica prevede interventi nei parcheggi delle Circoscrizioni 1, 2 e 3 di Torino, che sono strategicamente collocati rispetto ai quartieri residenziali. Nel parcheggio di Via Martini Mauri e nel parcheggio Braccini Ovest, sarà riorganizzata la raccolta delle acque meteoriche e verranno inseriti nuovi spazi verdi e barriere ombreggianti.

Nell’area di sosta Braccini Est, si aggiungerà la raccolta dell’acqua meteorica dal tetto dell’edificio. Nel parcheggio Tirreno Nord, saranno utilizzati materiali riflettenti sulla pavimentazione esistente per mitigare gli effetti del surriscaldamento delle superfici e impedire la formazione di isole di calore. Nella zona di sosta situata a Parco Mennea, saranno realizzate barriere alberate ombreggianti, trincee drenanti e giardini della pioggia. Infine, in quella di Piazza del Piano, alle barriere alberate ombreggianti si sommeranno nuove aree verdi urbane.

Ultima modifica: 30 Marzo 2023