In Italia la quota di veicoli a metano sul totale del parco circolante è pari al 2,1%

286 0
286 0

In Italia la quota di veicoli a metano sul totale del parco circolante è pari al 2,1%. Se si considerano i dati a livello regionale emerge che sono le Marche la regione italiana in cui è maggiore la quota percentuale di veicoli a metano sul totale del parco circolante.

Nelle Marche, infatti, i veicoli a metano rappresentano il 10,4% dei veicoli in circolazione. Nella graduatoria delle regioni in cui è maggiore la percentuale di veicoli a metano sul totale dei veicoli in circolazione, alle Marche seguono l’Emilia Romagna (5,8%), l’Umbria (5,7%), il Veneto (2,8%) e la Toscana (2,7%). Ci sono anche altre regioni in cui la quota di veicoli a metano sul totale supera il due per cento, e sono Abruzzo, Puglia, Molise e Campania.

A seguire tutte le altre regioni italiane, con alle ultime posizioni Friuli Venezia Giulia (0,4%), Valle d’Aosta (0,3%) e Sardegna (0%). Chiaramente il dato della Sardegna è dovuto al fatto che in quella regione non c’è una rete (ma sta arrivando) e quindi non ci sono distributori di metano.

In Italia la quota di veicoli a metano sul totale del parco circolante è pari al 2,1%

Spostando l’analisi a livello provinciale, emerge che la provincia italiana con la maggior quota di veicoli a metano sul totale è Macerata (12,6%), seguita da Ancona (12,4%) e Fermo (11,9%). E’ tutto marchigiano, quindi, il podio delle province italiane sulla base della quota di veicoli a metano in circolazione.

Flavio Merigo, presidente di Assogasmetano
Flavio Merigo, presidente di Assogasmetano

Le parole di Flavio Merigo, presidente di Assogasmetano

Oggi il metano per autotrazione è una realtà ampiamente diffusa nel nostro Paese, con una rete di distributori che vanta circa 1.500 punti, se si considerano il metano gassoso (CNG) e il metano liquido (LNG). Proprio per questo si dovrebbe puntare con decisione su questo carburante ecologico ed economico, sostenendo anche lo sviluppo del biometano, il cui utilizzo consente di muoversi a impatto ambientale zero e incentivare le soluzioni retrofit per veicoli commerciali leggeri e pesanti. Ciò porterebbe ulteriori benefici positivi in termini di riduzione delle emissioni e contribuirebbe allo sviluppo di un settore industriale che già oggi è leader per esportazioni e nel quale siamo all’avanguardia nel mondo”.

 

Ultima modifica: 28 maggio 2021