Auto elettriche: Porsche sviluppa le proprie batterie e stazioni di ricarica

1467 0
1467 0

Sappiamo già che Porsche, come altre aziende, è profondamente impegnata in un percorso di transizione elettrica, per diventare carbon neutral entro il 2030 (ne abbiamo parlato in questo articolo). Ma per riuscirci non è sufficiente creare nuove auto elettriche. Porsche è infatti già al lavoro sullo sviluppo di proprie batterie ad alte prestazioni per auto elettrificate, così da non dover dipendere da fornitori esterni.

Nello specifico, l’azienda tedesca sta effettuando delle ricerche per riuscire a realizzare batterie che utilizzano silicio al posto della grafite per gli anodi. Tradotto in modo semplice, questa soluzione consentirebbe la produzione di batterie a più alta densità, con maggiori prestazioni in fatto di ricarica rapida.

Porsche utilizzerà inizialmente le sue nuove batterie in contesti sportivi, nelle gare ad alte prestazioni, prima di introdurle, perfezionate, nella produzione delle sue auto destinate al mercato di massa.

“La cella della batteria è la camera di combustione del domani”: sono parole dal sapore profetico pronunciate da Oliver Blume, CEO di Porsche, in un comunicato. Il numero uno dell’azienda ha anche aggiunto che “le nostre auto da corsa e sportive elettrificate ad alte prestazioni necessitano dei massimi requisiti nella tecnologia delle batterie. Per soddisfare tali esigenze, Porsche ha bisogno di celle speciali ad alte prestazioni”.

Ma le batterie vanno anche ricaricate, occorre una infrastruttura capillare per contribuire alla diffusione delle auto elettriche. Per questo Porsche ha in mente di realizzare una propria rete di stazioni di ricarica ultraveloce, con addirittura aree lounge dove i clienti possono rilassarsi in attesa che il proprio veicolo finisca di fare il pieno di energia. Il piano prevede di installare stazioni Porsche lungo le principali autostrade in tutto il mondo, a partire dall’Europa.

Leggi anche: Volvo Recharge Highways: stazioni di ricarica veloce per auto elettriche in Italia

Ultima modifica: 24 Marzo 2021