Formula 1, Domenicali: “In Ferrari strutture obsolete” “Difficile vincere cosi'”

1571 0
1571 0

Il team principal Ferrari: “Dobbiamo migliorare la qualita’ degli strumenti”. Sempre incerto il futuro di Massa: “Presto saprete”

Suzuka (Giappone), 5 ottobre 2012 – “Penso che Michael abbia dimostrato di essere ancora un pilota molto, molto veloce. E’ un sette volte campione del mondo ed e’ ancora uno dei migliori in attivita’”. Stefano Domenicali, Team Principal della Ferrari, commenta con queste parole l’annuncio di Schumacher che a fine stagione lascera’ il mondo della Formula 1. “Come suo amico, sono molto contento della decisione che ha preso perche’ penso che abbia fatto questa scelta in base alla sua esperienza e ritengo che, tutto considerato, sia la migliore possibile”.

Da un ex ferrarista al futuro di uno degli attuali piloti del team, Felipe Massa. Le domande sul brasiliano continuano ad arrivare ormai da mesi e il Team Principal ha cercato di svicolare. “Molto presto vi diremo quale sara’ la realta’ ma, fino al momento in cui non ci saranno notizie, rimarro’ in silenzio, anche perche’ inizierei ad essere molto noioso nel dare la stessa risposta alla stessa domanda…”, ha tagliato corto Domenicali che poi ha affrontato l’argomento della galleria del vento di Maranello. “La nostra struttura e’ decisamente obsoleta – ha spiegato – Stiamo cercando di migliorare la qualita’ degli strumenti che abbiamo e, fra questi la correlazione fra i dati della galleria e la pista: questo e’ il programma che ci siamo dati per la prossima stagione”.

“Stiamo usando – ha proseguito il manager di Imola – anche altre strutture e nel giro di un paio di settimane definiremo un piano piu’ specifico per vedere quale sia il momento giusto per chiudere la nostra galleria e migliorarne quelle parti che non sono al massimo livello. Sono sicuro che problemi simili siano occorsi anche ad altre squadre ma e’ vero che nella seconda parte della stagione non tutti gli aggiornamenti che abbiamo portato in pista hanno funzionato. Se non sei in grado di migliorare la vettura allora e’ piu’ difficile lottare anche perche’ non possiamo sempre fare affidamento sui problemi altrui. Non possiamo contare sempre su un terzo o un quanto posto, dobbiamo essere sicuri di poter vincere una gara e poi vedremo quale sara’ la classifica”.

(fonte Agi)

Ultima modifica: 16 Novembre 2017