Debutta il Gilera Fuoco

1358 0
1358 0

dall’inviato Piero Campani

BERLINO -La presentazione del nuovo scooter Fuoco Gilera arriva nel giorno della divulgazione dei dati che assegnao al gruppo di Pontedera ampi dati positivi. Il mercato in generale e’ salito del 28% nel primo trimestre rispetto al 2006, mentre Piaggio si e’ attestata al 36%. Un grosso passo avanti che conferma la fase positiva, come il passaggio dal 32% al 34% del mercato sempre nel primo trimestre. Il nuovo scooter Gilera Fuoco a tre ruote guadagna in potenza, ma acquista anche maggior peso raggiungendo un mix che rende l’utilizzo del nuovo Gilera Fuoco un mezzo utile per chi vuole distinguersi, di chi vuole la comodita’ nell’uso cittadino, ma anche sicurezza e potenza per le gite fuori porta.
A spiegare come si inserisce il nuovo prodotto nel panorama del gruppo Piaggio e’ il direttore generale e responsabile dei marchi, Daniele Bandiera.
D. I conti stanno andando nel verso giusto. I risultati anche ma non c’e’ il rischio di un eccessivo affollamento con prodoti simili con marchi diversi? A cominciare da questo 3 ruote Gilera?
“L’importante e’ riuscire a dare un’impronta decisa ad ogni marchio. Prendiamo per esempio Gilera. Il nuovo Fuoco ha un’immagine prettamente sportiva. Noi lo amiamo definire il primo scooter Suv. Poi a settembre arrivera’ il nuovo scooter a due ruote sempre targato Gilera con il motore da 800cc. Chi vuole distinguersi ha in Gilera un punto di riferimento”.
D: Visto che sta per arrivare il 400cc targato Piaggio era proprio necessario questo Mp3 Fuoco con marchio Gilera?
“Conferma quello che ho appena detto. L’Mp3 Piaggio possiamo considerarlo allo stregua di una berlina. Il Fuoco Gilera ricalca il concetto di Suv, di un mezzo sportivo, particolare che si puo’ utilizzare in citta’, per andare al lavoro ma serve anche per fare escursioni nel fine settimana”. Ma Piaggio non si e’ fermata a questo novita’. Sta intensificando lo sviluppo di nuovi motori anche in funzione ecologica.
D: State studiando con intensita’ il motore Ibrido. Questo tre ruote sembra adatto per l’ibrido di nuova generazione?
“Ci sono gia’ molte Vespa date da noi alle amministrazioni pubbliche per sperimentare questa tecnologia. Entro la fine del 2008 presenteremo la versione definitiva. Non e’ stato ancora deciso su quele mezzo adra’ per primo il motore ibrido, ma credo che gli scooter a tre ruote siano candidati i piu’ attendibili”.
D: Arrivera’ prima l’idribo o l’elettrico?
“I tempi previsti sono su per giu’ gli stessi. Mentre sull’ibrido siamo sicuri delle date per l’elettrico dipende da fattori esterni come le batterie. Se arriveranno in tempi previsti le nuove generazioni di batterie possiamo confermare l’arrivo del scooter completamente elettrico entro il 2008”.
Ma nella pentola di Piaggio sta bollendo una cosa molto intrigante e di sicuro effetto. Su questo argomento Daniele Bandiera si rifiuta di rispondere, ma a noi risulta per certo che a giugno sara’ messa in vendita una versione particolare della Ape, in soli mille esemplari.
Sara’ una Ape Piaggio cabrio con il posto di guida e una panchetta posteriore per tre persone. Il concetto dei taxi indiani, della Citroen Mehari, rivisti e corretti sia dal punto di vista estetico che di utilizzo. Un mezzo per tutti i iorni, per la campagna per il mare. Si preannuncia gia’ un successo sicuro per questo innovativo modello che prefigura quello che vuol fare Piaggio in termini di mobilita’ cittadina sfruttando mezzi gia’ in produzione come Ape e Porter.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017