Immatricolazioni in calo (-2,5%) in Europa Italia e Fiat in controtendenza

490 0
490 0

Il calo delle immatricolazioni di febbraio – precisa l’Acea – e’ dovuto principalmente alla debolezza dei principali mercati dell’Ue a 15 che, complessivamente, e’ scesa del 3,5% a 975.666 unita’, mentre la flessione in Europa occidentale (Ue a 15 + Efta) si e’ attestata al 3,2% (a 1.005.000 unita’).
Con l’eccezione dell’Italia, che ha registrato un progresso del 5,7%, gli altri principali mercati europei dell’auto, infatti, a febbraio hanno segnato tutti un calo delle vendite.
Il piu’ accentuato si e’ verificato in Germania (-15,1% a 183.258 unita’), seguita da Spagna (-4,4% a 120.562 unita’), Regno Unito (-3,2% a 73.586 unita’) e Francia (-1,8% a 157.672 unita’). Negli altri mercato dell’Ue a 15 cinque sono stati i Paesi che hanno chiuso il mese con un segno positivo: Austria (+5,3%), Irlanda (+5,2%), Lussemburgo (+6,7%), Olanda (+4,1%) e Svezia (+9,5%).
L’Acea rileva che nei primi due mesi dell’anno il calo nell’Ue a 15 (-1,5%) ed in Europa occidentale (-1,2%) e’ stato meno accentuato. Infatti, ”nove paesi dell’Ue a 15 hanno segnato risultati migliori nel cumulato gennaio-febbraio 2007 rispetto allo stesso periodo del 2006. Gli altri sei pero’ hanno segnato un calo”. Al contrario i nuovi Stati membri hanno visto crescere a febbraio le proprie immatricolazioni di auto del 6,5%, ”grazie – precisa l’Associazione dei costruttori europei – all’incremento nei paesi Baltici (Latvia +84,1%, Estonia +39,8%, Lithuania +27,1%, Slovacchia +24,5%, POlonia +21,3%, Repubblica Ceca +8,6%, Romania +1,8%). Solo la Bulgaria e l’Ungheria sono scesi (rispettivamente -17,3% e -15,2%), mentre la Slovenia e’ rimasta stabile (-0,2%)”. Il trend di crescita nelle immatricolazioni dei nuovi Stati membri e’ confermato dal dato cumulativo (+13,1%). Con l’eccezione di Bulgaria (-3,2%) e Slovenia (-3,3%), tutti gli altri nuovi membri hanno segnato un progresso nei primi due mesi dell’anno, compreso tra il +1% dell’Ungheria ed il +89,7% della Latvia.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017