Le critiche di Confconsumatori al piano dell’indennizzo diretto

1108 0
1108 0

L’associazione ribadisce ”le proprie perplessita’ e contrarieta’, sottolineando le molte discrepanze ed imprecisioni della nuova normativa che avrebbe dovuto essere preceduta da un attento monitoraggio del settore assicurativo”.
In particolare, ritiene ”necessario escludere dal risarcimento diretto obbligatorio tutti i sinistri con lesioni personali, per i quali sembra ingiusto limitare il risarcimento dei danni con l’esclusione delle spese di assistenza legale.
Sarebbe stata invece sufficiente la previsione di una procedura solo facoltativa e non obbligatoria per tali danni, il che avrebbe reso l’impatto sul sistema delle tariffe rc auto meno ‘destabilizzante’ per i consumatori.
Per queste ragioni Confconsumatori, per monitorare il comportamento delle assicurazioni, ”invita i danneggiati a una collaborazione attiva, segnalando con assoluta tempestivita’ le offerte inadeguate, i ritardi e i disservizi della propria compagnia.
Le segnalazioni potranno essere fatte inoltrando reclamo a Confconsumatori, o alle altre associazioni di consumatori, ad Isvap, Ania, o al ministero dello Sviluppo economico.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017