Rc Auto, salasso a dicembre Le polizze sono cresciute del 18%

1189 0
1189 0

Il prezzo medio pagato per le assicurazioni dai consumatori a fine 2010 e’ di 867 euro. Nell’ultimo trimestre l’incremento delle tariffe e’ stato del 6.6%. A Napoli il balzo maggiore

Roma, 22 febbraio 2011 – E’ di 867 euro il prezzo medio pagato dai consumatori per le polizze Rc auto a fine 2010, pari a un aumento del 18% rispetto al dicembre 2009. Nell’ultimo trimestre 2010 l’incremento medio delle tariffe e’ stato del 6,6%, nonostante “l’evidente miglioramento degli indicatori tecnici del comparto”.
Lo afferma Francesco G. Paparella, presidente di Aiba (Associazione italiana brokers di assicurazioni e riassicurazioni) citando i dati dell’edizione 2010 dell’Osservatorio auto di Aiba che analizza i prezzi di listino applicati dalle compagnie di assicurazione raccolti da Check-It-Auto, lo strumento di comparazione delle tariffe auto e delle garanzie offerte da ogni singola polizza.
 

Prendendo in esame l’incremento delle tariffe nelle province facendo riferimento alle offerte dedicate ai nuovi clienti, dice l’Aiba, si vede come le tariffe Rc Auto continuano a crescere nel 2010: 766 euro a marzo (+4,2% rispetto al trimestre precedente); 781 euro a giugno (+2,0%); 813 euro a settembre (+4,1%); 867 euro a dicembre (+6,6%). Il premio medio pagato dai consumatori nel dicembre 2009 era pari a 735 euro. Significative le variazioni delle tariffe nelle principali province italiane: +31,0% Napoli; + 28,9% Bari; +14,9% Firenze; +14,8% Roma; +12,2% Perugia; +11,8% Bologna; +11,2% Torino; +9,9% Milano.
 

“Il mercato auto – sottolinea Paparella – presenta alcune disfunzioni che vanno affrontate quanto prima a partire dal proliferare delle compagnie fantasma, per passare alle societa’ commissariate e al sempre fiorente mercato dei falsi sinistri. Un circolo vizioso che interessa principalmente alcune aree meridionali dove la sinistralita’ ha superato i limiti di guardia, spingendo alcune compagnie ad adottare strategie di disimpegno che lasciano senza tutela aree di territorio”.
 

Ultima modifica: 16 Novembre 2017