Chrysler vede green Al lavoro per portare l’ibrido ‘idraulico’ sui veicoli commerciali

896 0
896 0

La casa americana ha stretto una partnership con l’Agenzia per l’Ambiente Usa: insieme studieranno un modo per adattare la tecnologia verde alle auto di grandi dimensioni

Ann Arbour, 19 gennaio 2011 – Chrysler e l’Epa, l’Agenzia governativa Usa per la protezione dell’Ambiente, hanno stretto una partnership per adattare la tecnologia ibrido idraulica ad auto di grandi dimensioni e ai veicoli commerciali leggeri, al fine di ridurre i consumi di carburante.
 

L’annuncio e’ giunto al termine di un incontro tra Sergio Marchionne, Ceo di Chrysler e di Fiat e Lisa Jackson, amministratore dell’Agenzia, nei laboratori Epa di Ann Arbor, nel Michigan. In base all’accordo, Chrysler avviera’ la produzione di veicoli che usano un sistema ibrido idraulico sviluppato dall’Epa.
 

“Oltre a creare le occupazioni del futuro, l’energia pulita offre vantaggi all’economia americana rendendo piu’ affrontabili i costi energetici per i consumatori”, ha detto Marchionne, dicendosi “entusiasta di collaborare con l’Epa”. “I veicoli idraulico ibridi sono la punta di diamante della tecnologia per ridurre il consumo di carburante”, ha dichiarato Jackson, aggiungendo che “l’Epa e Chrysler stanno lavorando insieme per esplorare le possibilita’ di rendere questa tecnologia accessibile ai consumatori”. L’accordo apre dunque la strada all’arrivo della Grand Voyager ibrida.
 

Chrysler punta a sviluppare un veicolo di prova equipaggiato con un sistema idraulico ibrido entro il prossimo novembre e spera di completare la fase di collaudo e valutazione entro il luglio 2012. Il debutto in serie e’ atteso per il 2013.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017