India, stop agli scooter Bajaj auto entro 3 mesi

861 0
861 0

Il costruttore indiano Bajaj Auto che aveva acquisito dalla Piaggio nel 1961 i diritti di fabbricazione della Vespa, ha annunciato di voler cessare entro 3 mesi la produzione locale di scooter (venduti con il marchio Kristal) per concentrarsi nel settore delle moto

Il costruttore indiano Bajaj Auto che, dopo esserne stato l’importatore, aveva acquisito dalla Piaggio nel 1961 i diritti di fabbricazione della Vespa, ha annunciato di voler cessare entro 3 mesi la produzione locale di scooter (venduti con il marchio Kristal) per concentrarsi nel settore delle moto, ritenuto strategico per il futuro.
Bajaj Auto ha anche annunciato di voler separare il proprio nome dalla gamma dei motocarri – molto diffusi in India – che saranno venduti sotto il nuovo brand Re. Questa decisione, secondo gli analisti, potrebbe essere legata alla introduzione, prevista per la fine del 2011, di un’auto low cost, progettata e costruita in jv con Renault-Nissan. E questa auto potrebbe essere penalizzata da un marchio legato a mezzi, come gli scooter e i 3 ruote, considerati di basso livello in India.  Rajiv Bajaj, ad della Bajaj Auto, ha comunque precisato che la decisione di abbandonare gli scooter, che rappresentano una piccola produzione, arriva ”perche'” vogliamo concentrarci nel settore delle moto, con il progetto di superare in questo campo la Honda e diventare il primo produttore al mondo”. Dei 30 milioni di moto vendute ogni anno nel mondo, circa 7 milioni sono prodotti da Honda mentre Bajaj Auto – che ha una capacita’ di 3 milioni di unita’/anno – ne ha vendute nel 2008 solo 2 milioni ma punta, sulla scia ottenuta dai modelli Discover di 100 cc e Pulsar di 135 cc, a raddoppiare a breve la sua quota.
Bajaj Auto detiene anche il 31,72 % dell’austriaca Ktm, specializzata in moto di cilindrata piu’ elevata.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017