Il ritorno della Clio diventa Storia

1128 0
1128 0

Dopo l’aggiornamento ricevuto dall’eterna rivale – la Peugeot 206 – con l’arrivo della versione Plus, anche la Renault Clio Storia si rifa’ il trucco e puo’ essere adesso acquistata a 7.500 euro con incentivi statali

{{IMG_SX}}Dopo l’aggiornamento ricevuto dall’eterna rivale – la Peugeot 206 – con l’arrivo della versione Plus, anche la Renault Clio Storia si rifa’ il trucco con l’intento di continuare il successo della prima versione che, dal 2005, ha conquistato oltre 400.000 clienti in tutta Europa e che oggi, grazie proprio a questo allestimento Storia, puo’ essere acquistata ad un prezzo molto allettante: 7.500 euro con incentivi statali.  A meta’ strada tra la Twingo (3,60 m) e la New Clio (4,03 m), i 3,81 m della Clio Storia viene ancora assemblata sulla ultracollaudata piattaforma della Clio II del 1998, utilizzata anche dalla Twingo a partire dal 2007. Con questa Storia restyling i designer francesi hanno volutamente conservato il look “classico” della Clio, aggiungendo alcuni dettagli aventi l’obiettivo di “svecchiare” un’immagine con qualche anno sulle spalle. Le novita’ sono concentrate nella parte frontale, grazie al paraurti ridisegnato e lalla nuova presa d’aria inferiore.

 

{{IMG_SX}}Uno stripping nero sul montante centrale consente una visione globale della vetratura laterale, mentre altre peculiarita’ della vettura risultano essere i nuovi tergicristalli di tipo flat-blade ed i retrovisori esterni – in tinta con la carrozzeria – a superficie ingrandita. All’interno troviamo invece sedili semi-avvolgenti di tipo sportivo, con tessuto nero e argento e finiture in cromo satinato. Sotto il cofano sono invece alloggiate due vecchie conoscenze di casa Renault: una motorizzazione benzina, il 1.2 60 cv, e una diesel, il dCi 65 cv che su Storia emette meno di 120 g/km di CO2 (precisamente 115 g). Rimane disponibile sull’unita’ a benzina la versione con doppia alimentazione benzina/GPL, con emissioni di CO2 di 126 g/km. Gli intervalli di manutenzione sono di 2 anni o 30.000 km per le motorizzazioni benzina, 1 anno o 30.000 km per le versioni diesel.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017