Dacia prolunga la chiusura degli stabilimenti

925 0
925 0

Dopo una chiusura temporanea di circa due mesi tra novembre e gennaio, l’azienda Automobile Dacia sara’ di nuovo ferma da oggi all’8 febbraio prossimo 

{{IMG_SX}}Dopo una chiusura temporanea di circa due mesi tra novembre e i primi di gennaio, l’azienda Automobile Dacia di Pitesti (sud della Romania), filiale del gruppo francese Renault, sara’ di nuovo ferma da oggi all’8 febbraio prossimo. La chiusura temporanea e’ provocata dal calo del mercato auto sullo sfondo della crisi economica mondiale. Un comunicato dell’azienda precisa inoltre oggi che ”il mercato di auto nuove in Romania e’ soffocato dal commercio con macchine di occasione importate”. A dicembre 2008 le vendite di auto nuove in Romania erano calate di circa il 50% rispetto a dicembre 2007.

 

Durante la chiusura temporanea, i dipendenti riceveranno l’85% dello stipendio lordo. Lo scorso dicembre, i dirigenti di Dacia avevano abbassato il piano di investimenti per il 2009 da 250 milioni di euro a 150 milioni. Inoltre non saranno piu’ rinnovati 300 contratti di lavoro a tempo determinato che scadono a fine gennaio. La chiusura della produzione di Dacia colpisce anche i suoi fornitori. Entro giugno, circa 230 dipendenti dell’azienda Leoni di Mioveni (sud), che fornisce cavi e fili di ferro alla Dacia, rimarranno senza lavoro in mancanza di ordinazioni.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017