Motore elettrico di trazione: cos’è e come funziona

2110 0
2110 0

Esaminiamo il concetto di motore elettrico di trazione, le sue caratteristiche principali e i principi del suo funzionamento.

Per motore elettrico di trazione si intende un motore di tipo elettrico in grado di fornire ad un mezzo la coppia motrice che esso necessita per lo spostamento di un veicolo su strada, o in caso di un treno, su ferrovia. Il motore elettrico di trazione trova largo impiego nella costruzione di rotabili ferroviari, come ad esempio le elettromotrici, le locomotive elettriche e i diesel elettrici. Inoltre, il motore elettrico di trazione viene impiegato e montato sui tram che effettuano servizio nelle città e in altri tipi di veicoli elettrici stradali come le automobili e i filobus.

Recentemente sono stati introdotti in alcune città europee gli autobus ibridi, dotati di motore elettrico a trazione. I motori elettrici hanno iniziato ad essere impiegati nella seconda metà dell’ottocento; nello scorso secolo, fino agli anni settanta, il motore che veniva maggiormente impiegato nella trazione ferroviaria era il motore elettrico a corrente continua; le tensioni di lavoro di questi motori sono generalmente comprese tra i 600 e i 1000 volt, per quanto riguarda l’impiego nelle applicazioni tramviarie. Per quanto riguarda invece l’applicazione ferroviaria dei motori elettrici di trazione, le tensioni raggiungono tendenzialmente i valori che vanno dai 1500 ai 3000 volt.

Originariamente, come è possibile immaginare, il motore elettrico di trazione era caratterizzato da dimensioni particolarmente importanti. Per questa ragioni, esso veniva montato sul carro della locomotiva. Al giorno d’oggi vengono invece impiegati motori elettrici di trazione per ogni asse, relativo ad ogni singolo carrello della locomotiva.

Per quanto riguarda invece l’applicazione del motore elettrico di trazione negli autoveicoli, si iniziò ad impiegare questa motorizzazione nel ventesimo secolo, nel periodo compreso tra gli anni dieci e gli anni venti. In questo periodo, il motore elettrico di trazione impiegato, era alimentato da accumulatori al piombo. Il motore elettrico di trazione venne impiegato inoltre per la costruzione dei filobus,

Successivamente, nel corso degli anni, l’utilizzo del motore elettrico di trazione fu progressivamente limitato. La causa di un impiego sempre più ridotto del motore elettrico di trazione era prima di tutto il suo peso particolarmente importante e la consistente massa del sistema di alimentazione; in particolare, il rapporto tra massa di alimentazione e potenza erogata del motore, non era buono. La limitazione dell’utilizzo del motore elettrico di trazione fu accompagnata dalla sviluppo del motore endotermico; quest’ultimo era caratterizzato certamente da un miglior rapporto tra peso e potenza erogata.

Ultima modifica: 28 luglio 2018